Sicurezza e senso civico

0
125

 

La Polizia di Stato, grazie al contributo di un portiere dello stabile arresta un palermitano sorpreso a ‘visitare’ un box

Palermo – Non basta solo intervenire per reprimere occorre anche la collaborazione ed il contributo dei cittadini che tradotto vuol dire Angelo Geloso 35enne palermitano dello Zen, responsabile del reato di tentato furto aggravato.

Alcuni poliziotti del Commissariato di “San Lorenzo”, ieri pomeriggio si sono recati in viale Strasburgo dopo una chiamata di emergenza al ‘113’, in cui si segnalava un furto all’interno del box di un condominio. Giunti sul posto, gli agenti hanno notato un uomo, il custode dello stabile, che con difficoltà tentava di trattenere un giovane; avvicinatisi velocemente, hanno provveduto a bloccare il malvivente che tentava di divincolarsi.

Il custode del palazzo ha raccontato agli agenti che, mentre stava facendo un giro di controllo nell’area dello stabile adibita a box, aveva sorpreso un giovane che si apprestava ad uscire da uno dei garage. Questi alla vista dell’uomo aveva cercato di fuggire ma veniva raggiunto; ne scaturiva una colluttazione che veniva sedata prontamente dai poliziotti che nel frattempo erano sopraggiunti.

Dalla successiva perquisizione personale, addosso al malvivente è stata rinvenuta una chiave modificata, usata presumibilmente, per aprire e forzare le serrature dei locali da “visitare”.

Geloso , che annovera diversi precedenti per reati contro il patrimonio e in materia di stupefacenti, attualmente è sottoposto alla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale, è stato arrestato per il reato di tentato furto aggravato e denunciato per possesso ingiustificato di chiavi alterate e grimaldelli.