Stime danni subiti dal territorio per gli incendi delle scorse settimane

0
46

 

Messina – Lunedì, nell’assessorato allo Sviluppo Economico e Attività Produttive, si è svolta una riunione tra il Comune di Messina, rappresentato dagli assessori, allo Sviluppo Economico e Attività Produttive, Guido Signorino, e alla Protezione Civile, Sebastiano Pino, l’Ispettorato Provinciale Agricoltura (Salvatore Bottari), l’ufficio Servizio per il territorio di Messina del dipartimento regionale dello Sviluppo Rurale (Giovanni Cavallaro), l’Ispettorato Riparimentale delle Foreste di Messina (Francesco Gangemi), con la presenza dell’esperto del sindaco, Filippo Cucinotta, al fine di avviare una prima stima dei danni causati dagli incendi. Nel corso della riunione si è fatta una prima valutazione della terra bruciata che, con riferimento in particolare alla zona tirrenica (Calamona-Piano Torre-Spartà) e alla zona nord (Curcuraci) è di circa 850 ettari. La maggior parte dei terreni sono privati e incolti; secondo le valutazioni del dipartimento dello Sviluppo Rurale gli incendi della zona tirrenica e della zona nord hanno riguardato terreni demaniali per meno del 10 per cento del totale (circa 60 ettari su 850). A seguito dell’incontro il dott. Bottari ha comunicato ieri che, in base alle prime stime dell’Ispettorato Provinciale Agricoltura, le coltivazioni hanno ricevuto un danno ad oggi stimato in circa 500 mila euro. In particolare l’incendio della zona tirrenica ha distrutto 30 ettari di uliveto, con una stima per i ripristini di 250 mila euro, 5 ettari di agrumeto e frutteto (stima danni 70 mila euro); 5 ettari di vigneto (100 mila euro). A questo si aggiungono, in base ai rilievi aerofotogrammetrici e considerando anche i danni derivanti dall’uso di acqua salmastra dai Canadair, 4 ettari di vigneto tra Curcuraci, Pezzolo e Tipoldo (80 mila euro), pervenendo alla stima complessiva di 500 mila euro. In corso di elaborazione a cura del dipartimento regionale dello Sviluppo Rurale la stima del danno ambientale in termini di superficie boschiva persa. La valutazione complessiva verrà trasmessa alla Regione Siciliana e al Governo Nazionale, chiedendo a tutte le rappresentanze politiche messinesi ogni forma di attività per il giusto ristoro e per la deroga al divieto di rimboschimento per prevenire il grave rischio idrogeologico, cui la città è adesso maggiormente esposta. Sempre sul fronte della prevenzione, l’assessorato allo Sviluppo Economico ha contattato il Parco Nazionale dell’Aspromonte e intende chiedere fondi per avviare a Messina i “Contratti di Responsabilità Territoriale”, fondati sul coinvolgimento del volontariato e delle associazioni locali dei coltivatori. Dalla riunione, e in condivisione con gli assessori, Sebastiano Pino, e al Verde Pubblico, Daniele Ialacqua, è emerso che il burgensatico di Pezzolo potrebbe costituire, tra le altre eventualmente individuate con le Circoscrizioni, un’area privilegiata per avviare una prima sperimentazione. Di incendi boschivi si parlerà anche nell’importante convegno organizzato dall’assessorato allo Sviluppo Economico con la Coldiretti su legalità e contrasto alle agromafie, in programma oggi nel Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca.

Diana Abbate