I Carabinieri eseguono tre misure cautelari per ricettazione di cavi di rame

0
77

 

Termini Imerese (Pa) – I Carabinieri della Compagnia di Termini Imerese hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misura cautelare emessa dall’Ufficio GIP del Tribunale di Termini Imerese, su richiesta della Procura della Repubblica, a carico di :

– Canta Francesco, 40enne termitano;

– Canta Roberto, 37enne termitano;

per i quali è stata applicata la misura cautelare degli arresti domiciliari, e La Bua Salvatore, termitano di 48 anni, al quale è stata applicata la misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di residenza, con permanenza notturna in abitazione e obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria tutti i giorni.

L’attività investigativa è sorta a seguito di intervento effettuato il 13 settembre scorso a Termini Imerese, ove erano stati segnalati I tre intenti a lavorare una cospicua quantità di cavi di rame.

All’arrivo dei militari i tre riuscivano a darsi alla fuga lasciando sul posto oltre 20 metri di cavi di rame, poi accertati di proprietà di RFI – Rete ferroviaria italiana – e precedentemente asportati dal deposito ferroviario di Termini Imerese. I tre, venivano comunque riconosciuti dai militari operanti, nonché da un terzo che si trovava nelle vicinanze, e dunque accertati responsabili del reato contestato di ricettazione.

I cavi di rame venivano immediatamente recuperati e consegnati al legittimo proprietario mentre i tre soggetti venivano deferiti alla Procura della Repubblica.

I militari dell’Arma hanno proceduto a notificare ai tre nominati l’ordinanza di applicazione di misura cautelare, in forza della quale i fratelli Canta sono stati, al termine delle procedure di rito, tradotti e ristretti presso le rispettive abitazioni a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Ph:repertorio