Il Prefetto di Ferrara nel Parlamento della Legalità Internazionale

0
576

 

Ferrara – Il Prefetto di Ferrara nel Parlamento della Legalità Internazionale. «Il Prefetto di Ferrara Michele Campanaro, ha accolto la nomina a socio onorario del Parlamento della Legalità Internazionale accettando la pergamena di nomina da Nicolò Mannino e Filippo Ruffa rispettivamente presidente e coordinatore regionale del movimento per l’Emilia Romagna nonché Tenente Colonnello della Guardia di Finanza nel territorio ferrarese. La cerimonia di consegna è avvenuta a conclusione di una affollata conferenza sul tema dell’educazione alla legalità svoltasi a Ferrara dove Michele Campanaro da poco riveste la “missione” di Prefetto. “Ho accolto con gioia la nomina e ho già fatto sapere al Ministero di questo segno di riconoscimento – dice il Prefetto Campanaro – bisogna educare i giovani a vivere e tutelare la democrazia sempre alla luce della legalità e all’amore allo Stato”, una stretta di mano e Nicolò Mannino precisa: “Conoscere persone vere che credono nel servizio verso il nostro Stato con tanta passione, che sanno ascoltare i bisogni dei giovani e servire con professionalità e umiltà questa nostra nazione ci riempie di gioia e ci dà la certezza di non essere soli in questa avventura culturale a favore dei grandi valori della vita. Il Prefetto Michele Campanaro – conclude Nicolò Mannino – è una persona di quelle che entrano nel cuore e ti fa intravedere quella coerenza che è necessaria nel proporre iniziative culturali dove legalità e democrazia devono stare alla base di uno Stato di Diritto”. Un’ora circa di colloquio familiare ma ricco di grandi contenuti culturali tra Nicolò Mannino e il Prefetto Michele Campanaro, un confronto curato nei dettagli dal coordinatore culturale del Parlamento della Legalità Internazionale della regione Emilia Romagna Filippo Ruffa, amico fraterno del professore palermitano che hanno intrapreso la loro amicizia e collaborazione culturale da Bagheria, da Corleone, dove il Tenente Colonnello della Guardia di Finanza Ruffa svolgeva il suo compito di “servitore dello Stato”.  Con profonda energia e commozione Filippo Ruffa precisa: “Vorrei ricordare a me stesso che abbiamo “sempre attivo” un debito nei confronti dei SERVITORI dello STATO e INNOCENTI che hanno sacrificato la loro vita per i valori di Giustizia e Libertà. Un debito che noi (Parlamento della Legalità Internazionale) stiamo onorando attraverso la nostra missione vocativa. Con questi sentimenti di fraterna stima, come Ufficiale della Guardia di Finanza – sottolinea Filippo Ruffa – vorrei esprimere la mia gratitudine al Parlamento della Legalità Internazionale che, in una costante e continua atmosfera adamantina e immutata fedeltà alla nostra Nazione, continua a bonificare e rieducare l’etica, la morale e la coscienza degli individui attraverso l’istituzione di Ambasciate e convegni culturali in tutto il territorio nazionale registrando grande consenso dal mondo scolastico e non solo”». 

Ph:Ruffa, Campanaro e Mannino

longo@gdmed.it

Giuseppe Longo