La solidarietà dei giornalisti cattolici dell’Ucsi Sicilia al collega Borrometi

0
120
Da sx: Paolo Borrometi con Domenico Interdonato

 

Messina – L’Ucsi Sicilia, apprese le gravi minacce arrivate al giornalista di TV2000 Paolo Borrometi, socio Ucsi, collaboratore dell’Agenzia Agi, direttore del giornale online “La Spia” e presidente nazionale di Articolo21, che ancora una volta è nel mirino della mafia per la sua attività giornalistica esprime piena e incondizionata solidarietà umana e vicinanza. La risposta alle tre buste anonime recapitate alla portineria di TV2000, con nuove minacce di morte e tre chiodi e la scritta “Picca nai”( ti manca poco) non che può che essere corale.

È una risposta di vicinanza all’amico e collega e di sostegno al coraggio che mette in campo nel trattare notizie scomode ai clan mafiosi. I giornalisti cattolici di Sicilia sostengono e sono solidali con il collega Borrometi, esprimono la loro preoccupazione e chiedono alle istituzioni il massimo impegno per tutelare la vita del collega. “Non lasciamolo solo – ha detto il presidente regionale dell’Ucsi Sicilia Domenico Interdonato – perché Paolo rappresenta tutti noi e i nostri ideali di un giornalismo sano”.

La solidarietà a Paolo Borrometi autore del libro “Un morto ogni tanto” e vincitore del XXII premio giornalistico “Mario e Giuseppe Francese”, è stata manifestata anche dai due consiglieri nazionali dell’Ucsi, Gaetano Rizzo e Salvatore Di Salvo, che è anche presidente della sezione Ucsi Siracusa.