Giornale del Mediterraneo: Quotidiano d'Informazione

Anno XXVI - Registrazione Tribunale di Palermo n° 08 del 24.02.1990  Ultimo aggiornamento venerdì 2 dicembre 2016, 20:06

"IO DIRÒ LA VERITÀ"

(tratto dal primo dei sette costituti del filosofo Giordano Bruno 1548-1600 bruciato vivo come eretico a Campo dè Fiori - Roma )

43 nuove notizie dal 01/12/2016      
Login
Registrati
Palermo - Giovedì 28 Aprile 2016
Targhe alterne o ripicca?




Luisa La Colla 

Palermo 28.4.2016 – E' una valutazione attenta e piena di particolari oggettivi quella che Luisa La Colla, Consigliera Pd al Comune muove nei confronti del provvedimento delle targhe alterne che l'Amministrazione Orlando ha già messo in pratica da ieri e che ha già fatto le sue vittime, oltre cinquanta multe elevate dalla Polizia Municipale. La Colla usa il termine “ripicca” a proposito della sua istituzione, noi, maligni pensiamo invece ad un atto ritorsivo nei confronti di una città o del fato avverso, che non ha saputo mettere in campo ed attuare il provvedimento della tassa Ztl che avrebbe portato nelle casse comunali milioni di euro.

Si è scettici sull'uso ambientale di questo provvedimento perchè non ci sono i presupposti né le premesse perchè questo sia credibile. Un furgone o camion che si alimenta a diesel di vecchia generazione ad ogni colpo di acceleratore emette una nuvola nera talmente inquinante che annerire la visibilità.

 

Insomma crediamo che si predichi bene ma che si razzoli male. Sicuramente non c'è malafede in questo ma disorganizzazione ed incompetenza sì.
    
    “Le targhe alterne rappresentano l’ennesimo provvedimento facile di uffici incompetenti”. Non le manda di certo a dire la consigliera comunale del Partito Democratico, Luisa La Colla, a proposito del provvedimento sulla mobilità entrato già in vigore.
    
    “Troppe lacune: mancano, per dirne due, il piano di risanamento della qualità dell’aria, perché non bastano le sole azioni ‘repressive’, nonché una mappatura delle strade per classificare quelle a più rischio inquinamento rispetto ad altre”, ha spiegato La Colla.


    
    “Per di più, - ha aggiunto la consigliera del PD - l’Amministrazione parla spesso di inquinamento, polveri sottili, ecc., senza titoli degni di questo nome, visto che negli uffici comunali non c’è neanche un chimico”.

 


    
    “E’ evidente, poi, che il ritorno delle targhe alterne è una ripicca, dopo la sospensione della ZTL: questo provvedimento non ha, d’altronde, come il precedente, il fine di tutelare la salute dei cittadini, perché, se fosse stato così, la circolazione dovrebbe essere interdetta a tutti i mezzi con motore diesel, fino all’Euro 4”.
    
    “Inoltre - ha consigliato La Colla - come avviene in altre città portuali, sarebbe il caso di far spegnere i motori alle grandi navi da crociera che approdano a Palermo, dando al contempo la possibilità di usufruire delle banchine elettrificate”.



    
    “Infine - ha concluso l’esponente del PD a Sala delle Lapidi - le targhe alterne ricadranno economicamente sulle classi meno abbienti, cioè su chi non ha la possibilità di cambiare la propria auto con una più moderna”.

 
Giovanni Prestigiacomo
 
 
Commenti (0)


Per inserire un commento è necessario effettuare il login. Se non sei ancora un utente registrato clicca sul link Registrati in alto a destra.


 



Quotidiano regionale d'informazione
Anno: XXVI
Direttore Responsabile: Tonino Pitarresi
Registrazione Tribunale di Palermo: n° 08 del 24.02.1990
Editrice: Associazione Zed
Direzione, Amministrazione: Corso Camillo Finocchiaro Aprile, 165 - Palermo