Giornale del Mediterraneo: Quotidiano d'Informazione

Anno XXVI - Registrazione Tribunale di Palermo n° 08 del 24.02.1990  Ultimo aggiornamento mercoledì 7 dicembre 2016, 12:28

"IO DIRÒ LA VERITÀ"

(tratto dal primo dei sette costituti del filosofo Giordano Bruno 1548-1600 bruciato vivo come eretico a Campo dè Fiori - Roma )

36 nuove notizie dal 06/12/2016      
Login
Registrati
Venezia - Domenica 8 Maggio 2016
Teatrino di Palazzo Grassi. “If Arte Povera Was Pop: artisti e cinema sperimentale in Italia negli anni ’60-’70”


Palazzo Grassi 

Venezia 8.5.2016 - “If Arte Povera Was Pop: artisti e cinema sperimentale in Italia negli anni ’60-’70”. Rassegna cinematografica al Teatrino di Palazzo Grassi in occasione della mostra “IMAGINE. Nuove immagini nell’arte italiana 1960-1969” alla Collezione Peggy Guggenheim. In occasione della mostra “IMAGINE. Nuove immagini nell’arte italiana 1960-1969” a cura di Luca Massimo Barbero, alla Collezione Peggy Guggenheim fino al 19 settembre, l’11 e il 12 maggio sarà presentata, al Teatrino di Palazzo Grassi, Venezia, la rassegna “If Arte Povera Was Pop: artisti e cinema sperimentale in Italia negli anni ’60-’70”. Il ciclo di film, già proiettato nell’ottobre 2015 presso la Tate Modern di Londra con lo stesso titolo, è organizzato con il Centro Sperimentale di Cinematografia, la Cineteca Nazionale e Archivio Nazionale Cinema Impresa e Tate Modern. “If Arte Povera Was Pop” è una provocazione. Certamente l’Arte Povera non era Pop, ma la rassegna ha fra i suoi obiettivi anche indagare le radici e la trasmissione di un movimento indubbiamente interdisciplinare che ha attraversato tanto il cinema quanto la performance. Insieme a rari film d’artista, documentazioni di mostre seminali e avventurosi film d’avanguardia, la rassegna esplora tanto il contesto eterodosso dell’Arte Povera a Torino, quanto anche il cosmopolitismo e l’eccentricità della scena di Roma, associata storicamente all’Arte Pop e segnata dall’esperienza della Cooperativa del Cinema Indipendente, fondata nel 1967. Le voci fuori dal coro di autori come Tonino De Bernardi, Carmelo Bene, Alberto Grifi e, fra gli artisti, di Ugo Nespolo e Mario Schifano, così come le incursioni nelle commissioni pubblicitarie di Pino Pascali, testimoniano l’effervescenza di un momento unico nella storia dell’avanguardia europea, che la rassegna esplora, interroga ed espande.


Il ciclo If Arte Povera Was Pop è curato da Annamaria Licciardello (Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale), Sergio Toffetti (Direttore Archivio Nazionale Cinema d’Impresa - CSC) con Andrea Lissoni (Tate Modern), rientra nei progetti educativi collaterali alla mostra alla Collezione Peggy Guggenheim ed è realizzato con il sostegno della Fondazione Araldi Guinetti, Vaduz. Si ringraziano Museo Nazionale del Cinema di Torino e Cittàdellarte - Fondazione Pistoletto e Fondazione Baruchello.
    
    Palazzo Grassi, Campo San Samuele 3231, Venezia
    
    Collezione Peggy Guggenheim, Dorsoduro 701 - Venezia
    
    longo@gdmed.it

 
Giuseppe Longo
 
 
Commenti (0)


Per inserire un commento è necessario effettuare il login. Se non sei ancora un utente registrato clicca sul link Registrati in alto a destra.


 



Quotidiano regionale d'informazione
Anno: XXVI
Direttore Responsabile: Tonino Pitarresi
Registrazione Tribunale di Palermo: n° 08 del 24.02.1990
Editrice: Associazione Zed
Direzione, Amministrazione: Corso Camillo Finocchiaro Aprile, 165 - Palermo