Giornale del Mediterraneo: Quotidiano d'Informazione

Anno XXVI - Registrazione Tribunale di Palermo n° 08 del 24.02.1990  Ultimo aggiornamento 2016-12-08 07:00:50

"IO DIRÒ LA VERITÀ"

(tratto dal primo dei sette costituti del filosofo Giordano Bruno 1548-1600 bruciato vivo come eretico a Campo dè Fiori - Roma )

23 nuove notizie dal 07/12/2016      
Login
Registrati
Catania - Giovedì 19 Maggio 2016
Kerry vuole morto Assad


 

Catania 19.5.2016 - Kerry,alle trattative di Parigi sulla Siria, ha minacciato Assad e la sua gente: "il Presidente ed i suoi mai al sicuro senza la pace".
    
    Quella pace che vogliono imporre gli Usa ed i suoi servi Nato e musulmani alla Erdogan : la frantumazione della Siria ed un governo fantoccio a Damasco.
    
    I precedenti sono effettivamente sinistri,per quel che hanno realizzato dove posti in essere : Afghanistan,Irak,Libia e Siria (tratto solo quelli piú eclatanti) sono il manuale della perfetta "crociata" occidentale : al posto di "Dio lo vuole" è la bandiera della "democrazia occidentale" in città e territori così lontani e diversi dalla nostra civiltà (si fa per dire) che avrebbe dovuto sventolare.
    
    Lascio perdere l'analisi delle (risapute) ragioni economiche che stanno dietro ad ogni crisi politica e militare che "collassi" un qualunque stato nel mondo (Venezuela,ad esempio),ricordiamo cosa sian gli stati sopra citati alla data di oggi.
    
    L'Afghanistan liberato e con un parlamento democratico ?? Usa e Nato hanno dovuto evitare il ritiro promesso da Obama...intere provincie sono sotto il controllo dei Talebani.
    
    A Kabul non è sicura neppure la "zona rossa" delle ambasciate..(se) appena l'ultimo yankee abbandonerà il territorio,i Talebani spazzeranno le forze (??) armate afghane in pochi giorni. Al massimo troveranno opposizione nei nuovi adepti dello Stato Islamico che hanno messo da tempo gli occhi   dove non dovrebbero (il figlio di Bin Laden auspica un passaggio di tutti i jihadisti sotto Al Baghdadi).
    
    Peggio ancora in Irak...malgrado decenni di invasione crociata e miliardi di dollari investiti in addestramento ed armi,il governo di Baghdad arranca nella "riconquista" di Mosul e del territorio nazionale sotto controllo del Califfo. Fatto sta che la presenza della numerosissima comunità sciita al potere non basta a sanare la irreparabile frattura con i sunniti (almeno una gran parte). Se non fosse per le milizie filo iraniane (con gli aerei e soldati Usa) le bandiere nere sventolerebbero a Baghdad tra migliaia di teste tagliate e mausolei e monumenti violati.
    
    Tutto frutto,lo ripeto per l'ennesima volta,della aggressione a Saddam Hussein ed al suo conseguente omicidio. Lo sapevamo tutti,tranne i cervelloni,che la sua fine avrebbe portato allo status quo.
    
    Stessa storia,come da copione,in Libia.."primavera araba" contro Gheddafi e subito bombardamenti Nato sulla testa,fino al suo assassinio.
    
    Frantumazione di fatto,governo fantoccio insediato a Tripoli e ribelli ovunque,per tutti i gusti..persino un Califfato a Sirte!!
    
    Ultima,ma prima per importanza,la Siria...ai filoccidentali la "primavera" del 2011 non portò la vittoria e le teste di Assad,degli alawiti e dei cristiani. L'esercito popolare siriano non si sfaldò e si strinse accanto al Presidente Assad... resistendo alla marea di mercenari e tagliagole stranieri scaraventati in Siria da ogni parte del mondo. Oggi,con il determinante aiuto degli alleati russi,iraniani ed hezbollah, il legittimo (per l'Onu) governo di Damasco tenta di riprendere il controllo di tutta la Siria.
    
    E quì torniamo a Parigi : gli Stati Uniti minacciarono sia Saddam come pure Gheddafi di morte se non si fossero arresi alle  "forze democratiche". E,visto che entrambi non lo fecero,procurarono il loro assassinio...pure in mondovisione.
    
    Al Colonnello libico ammazzarono anche figli e tribù...tanto per essere sicuri.
    
    Ieri Kerry ha reiterato ad Assad la minaccia di morte (tradotta) : se non te ne vai ( in esilio in Iran) uccideremo te,la tua bella e coraggiosa moglie,la tua famiglia e persino la tua "gente"  (alawiti,sciiti,drusi e cristiani che lo sostengono).
    
    Bashar al Assad non cederà,ne sono sicurissimo...resterà con il suo popolo che lo ha eletto e confermato in grande maggioranza. Combatterà fino alla vittoria od alla morte...per la Siria unita e con gran parte dei siriani che combattono assieme a lui.
    
    Kerry si può mettere l'animo in pace...persino se Putin (follemente) mollasse il fedele alleato  gli Usa non vincerebbero proprio niente!!
    
    Esattamente come in Afghanistan,Irak e Libia..



 
Vincenzo Mannello
 
 
Commenti (0)


Per inserire un commento è necessario effettuare il login. Se non sei ancora un utente registrato clicca sul link Registrati in alto a destra.


 



Quotidiano regionale d'informazione
Anno: XXVI
Direttore Responsabile: Tonino Pitarresi
Registrazione Tribunale di Palermo: n° 08 del 24.02.1990
Editrice: Associazione Zed
Direzione, Amministrazione: Corso Camillo Finocchiaro Aprile, 165 - Palermo