Giornale del Mediterraneo: Quotidiano d'Informazione

Anno XXVI - Registrazione Tribunale di Palermo n° 08 del 24.02.1990  Ultimo aggiornamento 2016-12-03 12:51:06

"IO DIRÒ LA VERITÀ"

(tratto dal primo dei sette costituti del filosofo Giordano Bruno 1548-1600 bruciato vivo come eretico a Campo dè Fiori - Roma )

26 nuove notizie dal 02/12/2016      
Login
Registrati
Catania - Giovedì 19 Maggio 2016
“La Mafia e i suoi stereotipi televisivi”


 

Catania 19.5.2016 – “Mio padre, la mia famiglia, il mio paese! Io voglio
    
    fottermene! Io voglio scrivere che la mafia è una montagna
    
    di merda! Io voglio urlare che mio padre è un leccaculo!
    
    Noi ci dobbiamo ribellare. Prima che sia troppo tardi!
    
    Prima di abituarci alle loro facce!
    
    Prima di non accorgerci più di niente!”
    
    G. Impastato, I Cento Passi
    
     Cosa emerge dalle ultime fiction tv? La Sicilia è soltanto “coppole e lupara”? Da La Piovra a Squadra antimafia, sembra sia emersa e affermata un’immagine di una Sicilia antica, arretrata, legata al fenomeno endemico della mafia, spesso, oltretutto, costruito con tratti piuttosto folkloristici.
    
    Affronta questa tematica con l’obiettivo di creare consapevolezza il saggio “La Mafia e i suoi stereotipi televisivi”, a firma del giovane giornalista Cirino Cristaldi ed edito da Bonfirraro, che nasce come un’inchiesta al luminol sulle produzioni video ambientati in Sicilia.
    
    Il libro verrà presentato venerdì 20 maggio alle 19, per la prima volta a Catania, presso la Sala Assostampa E7 delle Ciminiere. A corroborarne le tesi, che vogliono denunciare e abbattere quel parallelismo Mafia = Sicilia che si realizza nell’iconografia di una Sicilia che paga ancora lo scotto di alcuni retaggi culturali, il regista Elio Sofia, giovane pluripremiato per la sua opera prima “L’ultimo metro di pellicola”, il giornalista Daniele Lo Porto, segretario Assostampa Catania, e l’editore Salvo Bonfirraro che ha voluto fortemente questo libro per contribuire a riaffermare una differente identità legata all’altra faccia di un’Isola bellissima per troppo tempo violentata e maltrattata.
    
    Esposto al Salone del Libro di Torino, il volume, che si pregia del saggio introduttivo del docente dell’Università di Catania Maurizio Zignale, ha riscosso un notevole successo da parte dei molti lettori che si sono avvicinati a una prosa semplice e scorrevole. Il saggio pretende di analizzare metro dopo metro alcune pellicole in cui emerge l’immagine di un’isola “mafiosa” e vendicativa, difficilmente sradicabile dall’immaginario collettivo, arrivando a provare quanto dannosi siano stati fiction, film e serie tv per l’immagine dell’isola, immolata sull’altare dell’audience.
    
    Un libro interessante, multimediale e interdisciplinare che induce alla riflessione sul linguaggio utilizzato dai media e dalle grandi case di produzioni televisive che spesso prediligono il cache flow rispetto a una scelta realistica, di una regione, su cui gravano sì delle forti problematiche sociali ed economiche, ma dalla quale si alza forte il grido di comunicare piuttosto i suoi valori, celebrandone bellezze, cultura e uomini coraggiosi. Perché forse l’etichetta di “mafioso” sta cominciando a diventare davvero troppo stretta a tutti, anche ai siciliani onesti.
    
     
    
    Cristaldi, nel suo saggio “La Mafia e i suoi stereotipi televisivi” va ad approfondire in maniera molto analitica, come le produzioni televisive abbiano trattato il tema “mafia”. Cosa ci può dire brevemente in merito?
    
    «Partiamo da un presupposto fondamentale: la mafia in tv fa audience. Analizzando approfonditamente questo dato focale si può spiegare come molto spesso le produzioni televisive abbiano fatto il pieno di ascolti puntando su format seriali quali ad esempio La Piovra o Il Capo dei Capi, sfruttando una delle più classiche associazioni: Sicilia e Mafia. Il mio saggio parte appunto da questa visione stereotipata della Trinacria, raccontando la sua evoluzione attraverso immagini e storie spesso ispirate a tragici eventi di cronaca.»
    
    Perché ha scelto di prendere spunto da questo argomento?
    
    «Tutto è nato dalla volontà di far conoscere al mondo un’altra faccia della Sicilia, ormai stufa di essere etichettata come “terra del male” e messa da parte, in un angolo. A chi non è mai capitato di varcare i confini nazionali e sentirsi appellare come “mafioso” per il semplice fatto di essere siciliano? A fomentare questo processo, parecchio hanno influito le produzioni cinematografiche e televisive di tutto il mondo.»
    
    Cosa rimprovera alla maggior parte delle produzioni televisive?
    
    «In realtà, credo di essere l’ultima persona al mondo capace di giudicare l’operato dei produttori italiani e non, ma una cosa è certa: nel corso della decennale storia dei film e delle serie tv del filone “mafioso” fin troppi stereotipi negativi sono stati veicolati senza pensare alle conseguenze del protrarsi di un tale fenomeno. Un conto è produrre documentari storici, un altro è continuare a fare incassi sfruttando la parola “mafia” e tutto quello che ne consegue.»
    
    Quale, secondo lei, è stata la fiction che maggiormente si è avvicinata alla realtà territoriale dell’isola più grande del Mediterraneo, come lei spesso ama definire la Sicilia?
    
    «Potrei rispondere più semplicemente che la fiction che meno si avvicina alla realtà territoriale della nostra amata Sicilia è L’Onore e il Rispetto, così come Baciamo le Mani - Palermo New York 1958, seppur ambientata in parte negli Stati Uniti, o Squadra Anti-Mafia Oggi. L’isola più grande del Mediterraneo non è quella dipinta, a cadenza settimanale, sui piccoli schermi di mezza Italia da qualche anno a questa parte. La Sicilia non è “coppole e lupare”, fortunatamente è ben altro.»
    
    Secondo lei, può la tv aiutare a estirpare il “sistema”? E se sì, come?
    
    «La tv è un importante mezzo di comunicazione poiché riesce a raggiungere ampie fasce di pubblico, dalle più colte alle meno colte, senza distinzione di età o genere. Per questo motivo, se sfruttata al meglio, può fare la sua piccola parte per migliorare la società».
    
    
    
    
    
    
    
    Cirino Cristaldi è nato a Catania nel 1984. È un giornalista pubblicista, laureato in Lingue e Letterature straniere e si occupa da anni di cinema, lavorando per la direzione artistica del Taormina Film Fest dal 2007.
    
    Parecchie le collaborazioni giornalistiche presso riviste (La Sicilia, La Voce, L’Urlo Magazine, Resapubblica), radio (Radio Smile, Radio Antenna Uno) e tv (La Effe).
    
    È autore del romanzo Ousmanne Olman, thriller d’esordio da leggere tutto d’un fiato, ambientato in un futuro non troppo roseo.
    
    La Mafia e i suoi stereotipi televisivi è il suo primo saggio, un lavoro di inchiesta sul linguaggio della comunicazione in cui ha sperimentato una prosa critica e analitica.



 
C.S.
 
 
Commenti (0)


Per inserire un commento è necessario effettuare il login. Se non sei ancora un utente registrato clicca sul link Registrati in alto a destra.


 



Quotidiano regionale d'informazione
Anno: XXVI
Direttore Responsabile: Tonino Pitarresi
Registrazione Tribunale di Palermo: n° 08 del 24.02.1990
Editrice: Associazione Zed
Direzione, Amministrazione: Corso Camillo Finocchiaro Aprile, 165 - Palermo