Giornale del Mediterraneo: Quotidiano d'Informazione

Anno XXVI - Registrazione Tribunale di Palermo n° 08 del 24.02.1990  Ultimo aggiornamento 2016-12-03 12:51:06

"IO DIRÒ LA VERITÀ"

(tratto dal primo dei sette costituti del filosofo Giordano Bruno 1548-1600 bruciato vivo come eretico a Campo dè Fiori - Roma )

26 nuove notizie dal 02/12/2016      
Login
Registrati
Ragusa - Lunedì 30 Maggio 2016
Ergon, due giorni di protesta




 

Ragusa, 30.5.2016 - La manifestazione sindacale è stata promossa dalla Fisascat-Cisl Ragusa Siracusa a supporto delle otto ore di sciopero che si sono svolte giovedì e venerdì scorsi, a fronte della cessazione delle trattative per la definizione del primo Contratto collettivo nazionale di lavoro riferito alle aziende aderenti a Federdistribuzione. “Il sit-in, che ha visto la partecipazione di alcuni lavoratori dipendenti della Ergon – sottolinea il segretario territoriale Salvatore Scannavino – aveva uno scopo preciso, quello di sensibilizzare la controparte su una tematica che riteniamo di fondamentale importanza e rispetto alla quale non ci può essere la cessazione delle trattative ma anzi auspichiamo che le stesse riprendano il prima possibile. Cercheremo, nei prossimi giorni, di illustrare al meglio le nostre ragioni, le ragioni di una protesta che secondo noi ha tutte le motivazioni d’essere”. Tra queste ragioni, quelle che contestano la destrutturazione del sistema di inquadramenti utilizzando la leva del Jobs act, l’imposizione di norme destinate a consentire alle aziende di derogare a tutte le norme del futuro contratto anche in assenza di accordo tra le parti a livello aziendale. E, ancora, la definizione di aumenti salariali per effetto dei quali le retribuzioni dei dipendenti delle aziende aderenti a Federdistribuzione dovrebbero subire alla data di scadenza del contratto (31 dicembre 2018) un danno di 1.


170 euro al quarto livello d’inquadramento rispetto al contratto applicato ai dipendenti delle altre aziende del commercio, ossia alla stragrande maggioranza delle lavoratrici e dei lavoratori del settore. In aggiunta a ciò, rispetto a quanto sottoscritto un anno fa con Confcommercio, dai testi consegnati da Federdistribuzione è emersa palese la volontà di modificare in peggio le norme contrattuali sul mercato del lavoro, apprendistato-contratti a termine, orario di lavoro e flessibilità. Occorre rivedere, in ambito nazionale, le regole nel mercato del lavoro che penalizzano enormemente i lavoratori mentre privilegiano la parte datoriale.
 
Mauro Di Stefano
 
 
Commenti (0)


Per inserire un commento è necessario effettuare il login. Se non sei ancora un utente registrato clicca sul link Registrati in alto a destra.


 



Quotidiano regionale d'informazione
Anno: XXVI
Direttore Responsabile: Tonino Pitarresi
Registrazione Tribunale di Palermo: n° 08 del 24.02.1990
Editrice: Associazione Zed
Direzione, Amministrazione: Corso Camillo Finocchiaro Aprile, 165 - Palermo