Giornale del Mediterraneo: Quotidiano d'Informazione

Anno XXVI - Registrazione Tribunale di Palermo n° 08 del 24.02.1990  Ultimo aggiornamento mercoledì 7 dicembre 2016, 14:28

"IO DIRÒ LA VERITÀ"

(tratto dal primo dei sette costituti del filosofo Giordano Bruno 1548-1600 bruciato vivo come eretico a Campo dè Fiori - Roma )

44 nuove notizie dal 06/12/2016      
Login
Registrati
Messina - Lunedì 13 Giugno 2016
Irccs-Piemonte



Disattese ancora una volta le relazioni sindacali fughe in avanti incomprensibili



 

 
    
    Messina 13.Giugno 2016 - Sulla neonata Azienda IRCCS-Piemonte, è necessario fare chiarezza e capire dove inizia e dove finiscono le competenze dell’Istituto di Ricerca che, come al solito, pensa di farla da padrone facendo fughe in avanti su percorsi che sono ben definiti nel decreto di attuazione approvato con delibera di giunta regionale n. 191 del 17 maggio scorso.
    
    Nel sito dell’Istituto si legge un avviso, senza data, per il diritto di opzione da esercitare da parte dei lavoratori dell’ex Azienda Papardo-Piemonte sapendo titolare del rapporto giuridico e gerarchico in atto risulta a quest’ultima. Non ci sono né date certe né chiarezza su quanti lavoratori come e cosa dovranno fare all'interno dell'ospedale messinese. Ci si limita a definire una incerta dotazione organica, fabbisogno del personale, relazioni sindacali l’IRCCS, in detto avviso ci si limita ad indicare genericamente una provvisoria dotazione organica, e relativa solo all’ex Presidio Piemonte, senza invece dare vita ad una dotazione organica complessiva specificandone categorie e figure professionali necessarie. Il sindacato mette le mani avanti e pretende comunicazione e chiarezza su questa vicenda per evitare che a farne le spese siano come sempre i dipendenti parte debole della catena. E’ necessario, invece, definire in maniera netta e chiara un atto aziendale ed una dotazione organica della nascente Azienda, complessiva e dettagliata e non limitandosi a conoscere le intenzioni solo dei lavoratori dell’ex Papardo-Piemonte, in maniera sinergica tra le due aziende, per fugare dubbi e perplessità ingenerare false speranze, ma soprattutto  nel rispetto delle relazioni sindacali che vengono puntualmente disattese.
    
    “Riteniamo che l’avviso di opzione deve essere ritirato – affermano i rappresentanti sindacali Giuseppe Raineri , Antonino Costa, Calogero Emanuele - e riformulato nel rispetto pedissequo di quanto previsto dall’art. 4 comma 1 e 2 del Decreto attuativo, allegato alla delibera della Giunta Regionale n. 191 del 17.5.2016, ove è previsto che entra 30 giorni l’IRCCS deve procedere all’adozione di un nuovo regolamento di organizzazione e di funzionamento e successivamente alla definizione della nuova dotazione organica. Sulla gestione del personale fa chiarezza l’art. 7 che prevede la predisposizione di un cronoprogramma condiviso dalle  due aziende  per disciplinare tempie  modalità di passaggio della gestione del personale e dei rapporti giuridici in essere riferibili alle attività dell’Ospedale Piemonte.
    
    Va da se che trattandosi di atti afferiscono il rapporto di lavoro, l’organizzazione degli uffici e la gestione complessiva delle risorse umane, l’IRCCS deve essere rispettosa delle relazioni sindacali previste dal CCNL vigente.
    
    Non comprendiamo quale è il fine di queste poco chiare fughe in avanti da parte dell’Istituto che, se non ricondotte nelle corrette previsioni della legge e del decreto attuativo rischiano di compromettere l’intero iter, con inevitabili dilatazione dei tempi per una risoluzione compiuta e positiva dell’intera vicenda.
    
    Certo l’iter per l’approvazione della legge regionale e dei decreti attuativi per la istituzione della nuova Azienda è stato lungi e farraginoso, e nella provvisorietà l’Istituto Bonino Pulejo, ha ritenuto non completare il quadro dirigenziale stante che da troppo tempo è privo del Direttore Amministrativo, come risulterebbe privo del Direttore Scientifico”.
    
     



 
Diana Abbate
 
 
Commenti (0)


Per inserire un commento è necessario effettuare il login. Se non sei ancora un utente registrato clicca sul link Registrati in alto a destra.


 



Quotidiano regionale d'informazione
Anno: XXVI
Direttore Responsabile: Tonino Pitarresi
Registrazione Tribunale di Palermo: n° 08 del 24.02.1990
Editrice: Associazione Zed
Direzione, Amministrazione: Corso Camillo Finocchiaro Aprile, 165 - Palermo