Giornale del Mediterraneo: Quotidiano d'Informazione

Anno XXVI - Registrazione Tribunale di Palermo n° 08 del 24.02.1990  Ultimo aggiornamento venerdì 2 dicembre 2016, 20:06

"IO DIRÒ LA VERITÀ"

(tratto dal primo dei sette costituti del filosofo Giordano Bruno 1548-1600 bruciato vivo come eretico a Campo dè Fiori - Roma )

23 nuove notizie dal 02/12/2016      
Login
Registrati
Messina - Venerdì 8 Luglio 2016


  Messina 8 Luglio 2016 – Rifiuta il ruolo di Cassandra ma piuttosto, «con forza e oggi più che mai» Tonino Genovese, segretario generale della Cisl Messina, rivendica «il ruolo del sindacato come tutore dei diritti e stimolo all’Amministrazione». Il segretario generale della Cisl Messina lancia da mesi l'allarme sulla drammatica situazione in cui versa il Comune di Messina e, in particolar modo, il delicato settore dei Servizi Sociali e ricorda come i suoi interventi siano stati accolti «come un reato di lesa maestà. Tuttavia – aggiunge - non credo che alzare il livello di guardia sulla riorganizzazione dei servizi sociali si debba, necessariamente, tradurre in attacchi ad personam o in presunte offese». Alla luce dei nuovi fatti che si registrano da un mese circa i ventilati tagli del settore, Genovese ribadisce, «con maggior forza e vigore, che i Servizi Sociali a Messina, meritino considerazione, attenzione, cura e programmazione in termini di efficienza, efficacia e razionalizzazione di risorse umane ed economiche». «Da un mese», aggiunge, «chiedo ad alta voce un confronto e sempre da un mese ribadisco che i servizi sociali non possono essere considerati alla stessa stregua di un esercizio commerciale. Il linguaggio che viene utilizzato la dice lunga: chiudono, aprono, espandono, restringono. La verità è una sola ed è lapalissiana: tale patetico valzer produce un solo devastante effetto, vale a dire evidenziare il processo involutivo del nostro tessuto sociale, politico ed amministrativo. Un processo desolante, mortificante, respingente, annichilente».  Sulla condizione del bilancio e delle disponibilità di cassa per i servizi sociali, Genovese è tanto sintetico quanto chiaro: «Si sa, da tempo, che soldi in cassa non ce ne sono più. E il Sindaco tace. Quando riterrà di intervenire?».  Il numero uno della Cisl messinese si interroga su quali saranno le prossime strategie di Palazzo Zanca, quale futuro spetta ai lavoratori del settore e all’utenza. «Cosa accadrà dopo il 31 luglio?», domanda. «Il livello di civiltà di una società – conclude Tonino Genovese – si misura dal funzionamento e dalla qualità dei servizi sociali e dall'attenzione riservata alle categorie fragili. Messina e il suo degrado sono speculari al nulla che impera sovrano. Parlare di tagli in modo indiscriminato si traduce in totale mancanza, considerazione e rispetto verso i diritti umani».

Diana Abbate

 
Commenti (0)


Per inserire un commento è necessario effettuare il login. Se non sei ancora un utente registrato clicca sul link Registrati in alto a destra.


 



Quotidiano regionale d'informazione
Anno: XXVI
Direttore Responsabile: Tonino Pitarresi
Registrazione Tribunale di Palermo: n° 08 del 24.02.1990
Editrice: Associazione Zed
Direzione, Amministrazione: Corso Camillo Finocchiaro Aprile, 165 - Palermo