Giornale del Mediterraneo: Quotidiano d'Informazione

Anno XXVI - Registrazione Tribunale di Palermo n° 08 del 24.02.1990  Ultimo aggiornamento lunedì 5 dicembre 2016, 20:20

"IO DIRÒ LA VERITÀ"

(tratto dal primo dei sette costituti del filosofo Giordano Bruno 1548-1600 bruciato vivo come eretico a Campo dè Fiori - Roma )

23 nuove notizie dal 05/12/2016      
Login
Registrati
Siracusa - Sabato 23 Luglio 2016
Più protetti con l'Osservatorio provinciale sui diritti delle persone disabili


Per eliminare il simbolo culturale di questa immagine 

Siracusa 23 Luglio 2016 – Ne fanno parte una cinquantina di associazioni del Privato Sociale che vogliono alzare la voce, in senso di maggiore ascolto, sui problemi della disabilità, che in Italia non ha mai trovato un terreno favorevole da parte dei Governi che si sono susseguiti tranne qualche sporadico segno che in confronto a ciò che serve è nulla. La disabilità è una condizione umana terribilmente grave, non solo per chi la possiede ma anche per i familiari che devo farsi carico di spese eccessive e sciupio di energie fisiche perchè muoversi in un mondo in cui regna l'indifferenza verso il disabile è eccessivamente difficile e faticoso. Così a Siracusa nasce l'Osservatorio provinciale sui diritti dei disabili, quei diritti che lo Stato dovrebbe tutelare ed invece è sordo,ipocritamente sordo,cieco ed ancora più grave è indifferente. “Il Forum Provinciale del terzo Settore di Siracusa – dichiara il portavoce dell'Osservatorio Francesco Di Priolo - organismo di rappresentanza di oltre 50 associazioni e imprese sociali presenti anche a carattere nazionale e locale, ritiene ormai non più rinviabile dotare il territorio di uno strumento di osservazione, proposta e intervento sul tema dei diritti alle persone disabili ispirandosi agli obiettivi della “Convenzione Internazionale sui Diritti delle Persone Disabili”. In particolare si fa riferimento a quanto indicato tra gli scopi della Convenzione e cioè: quello di “promuovere, proteggere e assicurare il pieno ed uguale godimento di tutti i diritti e di tutte le libertà da parte delle persone con disabilità. A tal fine, la condizione di disabilità viene ricondotta all'esistenza di barriere di varia natura che possono essere di ostacolo a quanti, portatori di minorazioni fisiche, mentali o sensoriali a lungo termine, hanno il diritto di partecipare in modo pieno ed effettivo alla società”.

            E’ a tutti evidente che nel nostro territorio, tali obiettivi sono molto lontani dall’essere resi concreti, infatti nel campo della disabilità molte restano le cose da fare a tutti i livelli. Diversi sono i soggetti chiamati a dare risposte di qualità in campo sanitario, nei servizi di supporto e non solo di competenza degli enti locali, nella scuola, nelle iniziative di promozione culturale nel terzo settore ed in generale per la promozione di una moderna cultura della inclusione e delle pari opportunità.
    
    Spesso però si registra una grande difficoltà di coordinamento e di collaborazione tra enti diversi pur se impegnati nello stesso campo, incrociando spesso servizi e competenze.

Diffondendo...questa! 

Occorre quindi creare un contesto dove in maniera costante e ben definita, il tema dei diritti dei disabili sia affrontato e tradotto in interventi efficaci, con il contributo di tutti i soggetti interessati.
    
    La proposta di un Osservatorio provinciale per i diritti delle persone disabili, che si ispira all’analogo Osservatorio nazionale, ha tra gli altri l’obiettivo di dotare il nostro territorio di un piano organico di interventi che individui priorità, razionalizzi le forze in campo, valorizzi le professionalità presenti, coinvolga le tante e significative attività di volontariato e infine possa verificare in modo partecipato l’uso appropriato delle ingenti risorse pubbliche impiegate, evitando sprechi e vigilando sul pericolo di “sistemi affaristici” sulla pelle delle persone disabili.
    
    Occorrono dunque capacità di analisi e confronto, interesse a mettersi in rete, in poche parole una inversione di tendenza che permetta per altro a questo territorio di proporre progetti di qualità per l’uso delle risorse europee previste per il periodo 2014/2020. L’Osservatorio si doterà di un Coordinamento a cui parteciperanno tutti i soggetti pubblici e privati che si occupano di disabilità e che aderiranno, una Segreteria Tecnica e di un Comitato Scientifico. Hanno già dato disponibilità a sviluppare la proposta di Osservatorio l’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), il Comune di Siracusa.” Speriamo che questa iniziativa faccia da precedente per una diffusione in ambito regionale prima e nazionale poi.


Almeno questo dovrebbe sollecitare maggiormente la politica a prendere coscienza della realtà in cui vive ed in cui crede illusoriamente di essere parte attiva nei cambiamenti.
    
    Le associazioni che ne fanno parte
    
    Della Famiglia Dell'infanzia E Dell'adolescenza - Il Difensore Della Famiglia, Il Fornello, Infanzia E Adolescenza - In-Dipendenza - Insieme Per Ciao - Istituto Netum - Lega Delle Cooperative Siracusa - Luciano Lama O.N.G. Onlus - Mareluce Onlus - Oltre Centro Ascolto Oncologico - Simultaneo - Onmic - Rete Centri Antiviolenza - Stonewall Lgbt - Teatro Dei Princìpi - Siracusa Rifiuti Zero - Gruppo Mamme A Siracusa – Astrea In Memoria Di Stefano Biondo - I Colori Di Aretusa - Baby In Travel - Noi Cuori E Colori - La Bacchetta Magica - Avis Comunale Di Siracusa.

 
Mauro Di Stefano
 
 
Commenti (0)


Per inserire un commento è necessario effettuare il login. Se non sei ancora un utente registrato clicca sul link Registrati in alto a destra.


 



Quotidiano regionale d'informazione
Anno: XXVI
Direttore Responsabile: Tonino Pitarresi
Registrazione Tribunale di Palermo: n° 08 del 24.02.1990
Editrice: Associazione Zed
Direzione, Amministrazione: Corso Camillo Finocchiaro Aprile, 165 - Palermo