Giornale del Mediterraneo: Quotidiano d'Informazione

Anno XXVI - Registrazione Tribunale di Palermo n° 08 del 24.02.1990  Ultimo aggiornamento lunedì 5 dicembre 2016, 20:20

"IO DIRÒ LA VERITÀ"

(tratto dal primo dei sette costituti del filosofo Giordano Bruno 1548-1600 bruciato vivo come eretico a Campo dè Fiori - Roma )

23 nuove notizie dal 05/12/2016      
Login
Registrati
Palermo - Martedì 26 Luglio 2016
Cantiere navale



Ipotesi di accordo integrativo. Clima teso con l'azienda. Appello a Fim e Uilm, che hanno abbandonato i lavori, per la gestione unitaria del referendum


Palermo 26 Luglio 2016 - Si è conclusa la prima delle due assemblee unitarie al Cantiere Navale per la valutazione dell'ipotesi di accordo dell'integrativo di Fincantieri. L'accordo sarà sottoposto a referendum con voto segreto in tutti i cantieri italiani. La discussione è iniziata con la valutazione del percorso che ha portato alla firma dell'integrativo, dopo 18 mesi di trattativa, e dei contenuti siglati lo scorso 24 giugno. Si prosegue nel pomeriggio. Il clima provocato dall'azienda in questi giorni ha fatto emergere l'esasperazione dei lavoratori del Cantiere di Palermo, che hanno vissuto in questi mesi in cassa integrazione (non firmata dalla Fiom), attraversando un periodo contrassegnato da continue vessazioni da parte dell'azienda che, anzi, ha operato in queste ultime settimane per portare i livelli di sopportazione al punto di rottura. Fino a venerdì scorso l'azienda ha continuato a consegnare parecchie lettere di contestazione “ingiustificate”, riconducibili, spiega la Fiom, a “modifiche organizzative mai discusse e concordate con le Rsu e con le organizzazioni sindacali”. L'acceso dibattito ha portato Fim e Uilm a rinunciare al loro intervento, abbandonando l'assemblea. “L'atteggiamento di Fincantieri – dichiarano la segreteria Fiom Cgil di Palermo e le Rsu Fiom Cgil di Fincantieri - dimostra che questa azienda, nonostante la firma di dell'accordo integrativo, nel cantiere di Palermo intende continuare a portare avanti una gestione del rapporto sindacale e con i lavoratori improntato sulle continue provocazioni che, inevitabilmente, trovano nei momenti collettivi occasioni di sfogo e di discussione anche accesa. Ci auguriamo che l'abbandono dell'assemblea da parte di Fim e Uilm, che ha contribuito ad accendere gli animi, non sia motivo per non partecipare all'assemblea del pomeriggio, e per non gestire in modo unitario il referendum”.

I.C.

 
Commenti (0)


Per inserire un commento è necessario effettuare il login. Se non sei ancora un utente registrato clicca sul link Registrati in alto a destra.


 



Quotidiano regionale d'informazione
Anno: XXVI
Direttore Responsabile: Tonino Pitarresi
Registrazione Tribunale di Palermo: n° 08 del 24.02.1990
Editrice: Associazione Zed
Direzione, Amministrazione: Corso Camillo Finocchiaro Aprile, 165 - Palermo