Giornale del Mediterraneo: Quotidiano d'Informazione

Anno XXVI - Registrazione Tribunale di Palermo n° 08 del 24.02.1990  Ultimo aggiornamento venerdì 2 dicembre 2016, 20:06

"IO DIRÒ LA VERITÀ"

(tratto dal primo dei sette costituti del filosofo Giordano Bruno 1548-1600 bruciato vivo come eretico a Campo dè Fiori - Roma )

43 nuove notizie dal 01/12/2016      
Login
Registrati
Palermo - Lunedì 15 Agosto 2016
Musumeci:“Condotta vessatoria della Siae in Sicilia”


Nello Musumeci 

Palermo 15 Agosto 2016 – Si chiama tassa SIAE, una imposta che si paga sui diritti d'autore ogni volta che un brano una canzone di altri viene eseguita in pubblico. Ma negli ultimi anni la Siae è stata al centro di dibattiti per l'uso troppo “libertario” di questa norma che il più delle volte, anzi quasi sempre,, non aiuta la libertà di espressione perchè le tasse da pagare sono troppo alte rispetto agli obiettivi di chi organizza. Chiaramente ci riferiamo ad eventi senza scopo di lucro il più delle volte fatti per promuovere artisti locali in seno a feste od eventi di carattere culturale o benefico. C'è inoltre la cosiddetta cauzione che l'organizzazione deve versare in modo cautelativo alla Siae e che questa poi rimborserà. I tempi di rimborso sono esageratamente lunghi a danno di chi versa anche se gli importi sono di mille euro ma considerati nell'insieme rappresentano una somma ingente. Nello Musumeci, Presidente della Commissiona antimafia dell'Ars ha sollevato il problema che speriamo venga affrontato in maniera seria per porre fine a questa assurda tassazione imposta da una costola dello Stato per gli spettacoli. "L'opera vessatoria svolta dalla Siae in Sicilia nei confronti dei Comuni e delle associazioni no profit è diventata davvero intollerabile. L'accanimento di alcuni agenti contro le manifestazioni estive e l'impotenza degli organizzatori impongono un intervento fermo e deciso da parte del governo regionale sulla direzione regionale della Società e sul  Ministero per i beni culturali e lo spettacolo."
    
    Lo ha dichiarato il presidente della Commissione regionale Antimafia Nello Musumeci, che è anche componente la Commissione Cultura dell'Ars, dopo avere raccolto alcune precise segnalazioni da parte di enti pubblici e privati giunte in queste settimane estive da tutte le province dell'Isola.
    
    "Ho presentato, assieme ad altri colleghi, un’apposita mozione, che verrà discussa e votata dall'Aula alla ripresa, affinché la Regione faccia sentire la propria voce a difesa dei Comuni e di quanti vivono nell'incubo di una vera e propria "tortura fiscale".
    
    Secondo Nello Musumeci, "non è tollerabile che per una manifestazione gratuita con tremila spettatori gli organizzatori - spesso volontari – si debbano versare più di mille euro.  Così facendo, si scoraggiano le iniziative che Comuni squattrinati e comitati o associazioni di generosi cittadini promuovono con tanti sacrifici, specie nei piccoli centri dell'Isola. Senza dire che, assieme ad agenti di zona responsabili ed educati, parecchi soggetti si servono del mandato Siae per assumere atteggiamenti irragionevoli ed esercitare poteri con arbitrio e improntati ad arroganza. Una cosa è il legittimo diritto che va riconosciuto all'artista, altra cosa è la tassa che si pretende dal denaro pubblico o dal cittadino per tenere in piedi una struttura che deve invece essere agile, snella e di supporto alle attività che emergono dal territorio."
    
    Il presidente dell'Antimafia specifica che nella mozione si chiede "di rivedere l'accordo tra Anci e Siae rinnovato nel 2013, ampliare la platea delle tariffe agevolate per le riproduzioni musicali in eventi organizzati da Comuni ed enti privati e di chiedere l’esclusione dal pagamento dei diritti Siae in caso di manifestazioni senza scopo di lucro”.
    
    “Dopo le Regioni Lombardia e Toscana, la Sicilia - conclude Musumeci -  sarebbe la terza in Italia a prendere posizione ufficiale contro un balzello che scoraggia ogni tiepida iniziativa per la promozione della cultura nell'Isola”.



 
Giovanni Prestigiacomo
 
 
Commenti (0)


Per inserire un commento è necessario effettuare il login. Se non sei ancora un utente registrato clicca sul link Registrati in alto a destra.


 



Quotidiano regionale d'informazione
Anno: XXVI
Direttore Responsabile: Tonino Pitarresi
Registrazione Tribunale di Palermo: n° 08 del 24.02.1990
Editrice: Associazione Zed
Direzione, Amministrazione: Corso Camillo Finocchiaro Aprile, 165 - Palermo