Giornale del Mediterraneo: Quotidiano d'Informazione

Anno XXVI - Registrazione Tribunale di Palermo n° 08 del 24.02.1990  Ultimo aggiornamento 2016-12-04 15:48:31

"IO DIRÒ LA VERITÀ"

(tratto dal primo dei sette costituti del filosofo Giordano Bruno 1548-1600 bruciato vivo come eretico a Campo dè Fiori - Roma )

22 nuove notizie dal 03/12/2016      
Login
Registrati
Palermo - Martedì 6 Settembre 2016
“Serata ’60 Show”… Eccezionale veramente!


 

Palermo, 6 settembre 2016 – Nell’accingerci a recensire “Serata ’60 Show”, andato in scena a Mondello, al Teatro Arena di Vito Zappalà, inevitabilmente, ci ritorna in mente… “…E mi ritorni in mente” -scusate il bisticcio di parole- ovvero, lo spettacolo musicale che ha inaugurato la stagione 2001-2002 del Teatro Al Massimo. Scritto da Renato Giordano, Jerry Calà e Francesco Bellomo, con protagonisti lo stesso Jerry Calà e Milena Miconi, più 2 ballerini e 6 ballerine, coreografie di Renato Greco, scene di Mannini e Biasci, costumi di Laura Giorgio, lo spettacolo cercava di far rivivere sentimenti e emozioni, momenti felici della nostra vita legata alla musica degli anni ’60.

Ovviamente, questa premessa non intende fare un paragone tra i due show ma, al contrario, fa risaltare il lavoro enorme che, da solo, ha dovuto sostenere il bravo bagnino-showman, Letterio Lombardo, per ideare, documentarsi, realizzare e condurre un ottimo spettacolo musicale, senza sfarzose scenografie e ricche coreografie… ma, con una cantante-presentatrice, sei orchestrali, due ballerine, tre attori e un coro di nove bambini, ha messo su un piacevole spettacolo di circa quattro ore.

 

La “Serata ’60 Show”, inizia con una breve parodia di “Buona sera, buonasera”, lanciata da Sylvie Vartan e cantata dalla coppia Letterio Lombardo-Giusy Magoga; ancora la Magoga, bella voce e bella presenza, traccia brevemente, avvenimenti, comportamenti, personaggi degli anni sessanta: l’arrivo della televisione, Carosello, la 500, le lezioni a scuola, le feste tra i giovani, le gite, i locali, i primi innamoramenti, la moda, le vacanze, Giovanni XXIII, i Kennedy, Nelson Mandela, Rita Pavone, Bobby Solo, evidenziando, altresì, quelle musiche e canzoni che, oggi, diventate vere icone, si ricordano ancora volentieri.

Quindi è un susseguirsi di notissimi motivi, graditi dal pubblico che li canticchia: Riderà, Il mondo, Quando calienta il sol, Sei diventata nera; riecco Giusy Magoga che interpreta Nessuno mi può giudicare.

 

Seguono Sapore di sale, Il cuore è uno zingaro, L’ora dell’amore; ancora Lombardo e Magoga eseguono Un corpo e un’anima, con l’effetto delle luci di centinaia di cellulari degli spettatori; poi è la volta di un medley composto da Lisa dagli occhi blu, Donna felicità, Ho scritto t’amo sulla sabbia, Stasera mi butto… Ad intervallare la parte musicale, con divertenti sketch, ci pensano Danilo Zisa, Antonio e Nunzia Sposito e due giovanissime e scatenate ballerine, Ludovica Messina e Giorgia Di Cristofalo, che eseguono originali coreografie. Nel secondo tempo è la volta di alcuni brani di Fred Bongusto, Adriano Celentano, Dino, Tony Renis, Ranieri.

Infine, un medley a tempo di twist, composto da Let’s twist again, A Saint Tropez, Una zebra a pois, Tintarella di luna, Guarda come dondolo e Speed Gonzales, sigla la fine dello show, con la presenza del piccolo coro, coinvolgendo un pubblico divertito che non risparmia calorosi applausi.

 

A Letterio Lombardo, dopo aver ripresentato tutti i partecipanti, il compito di chiudere con la celebre, A chi, di Fausto Leali. Alla riuscita della serata hanno contribuito gli orchestrali: Piero Caccamo (piano e tastiere), Simone Fiorenza (chitarra), Paolo Muratore (basso), Luigi Mollica (batteria), Salvo Munafò (violino) e Agostino Cirrito (sassofono). Auguriamoci, adesso, che il bravo Letterio Lombardo metta su un nuovo special musicale, magari dedicato agli anni ’70 e ’80, per assaporare e riascoltare le più belle canzoni di quel periodo perché questo è il genere che piace al pubblico giovane e meno giovane.



 
Franco Verruso
 
 
Commenti (0)


Per inserire un commento è necessario effettuare il login. Se non sei ancora un utente registrato clicca sul link Registrati in alto a destra.


 



Quotidiano regionale d'informazione
Anno: XXVI
Direttore Responsabile: Tonino Pitarresi
Registrazione Tribunale di Palermo: n° 08 del 24.02.1990
Editrice: Associazione Zed
Direzione, Amministrazione: Corso Camillo Finocchiaro Aprile, 165 - Palermo