Giornale del Mediterraneo: Quotidiano d'Informazione

Anno XXVI - Registrazione Tribunale di Palermo n° 08 del 24.02.1990  Ultimo aggiornamento 2016-12-08 07:00:50

"IO DIRÒ LA VERITÀ"

(tratto dal primo dei sette costituti del filosofo Giordano Bruno 1548-1600 bruciato vivo come eretico a Campo dè Fiori - Roma )

23 nuove notizie dal 07/12/2016      
Login
Registrati
Palermo - Venerdì 16 Settembre 2016
La Macchina dei Sogni – XXXIII edizione

Ambrogio Sparagna canta le donne siciliane, lavoratrici, sante e selvagge


Ambrogio Sparagna 

  Palermo 16 settembre 2016. Un grande omaggio alla poesia popolare siciliana in un concerto che vede come protagonisti alcuni solisti dell’Orchestra Popolare Italiana, a fianco di Ambrogio Sparagna. Ispirandosi alle raccolte letterarie ottocentesche e agli scritti del Pitrè, Sparagna e i solisti dell'OPI raccontano in versi e parole il mondo antico della Sicilia delle donne, lavoratrici, amanti, madri, passionali, selvagge e sante. Tra lingue e dialetti diffusi eppure dimenticati, indovinelli, litanie e poesie in gallo-italico, e in arbëreshë. “Vinni la Bedda” è l’originale concerto che Ambrogio Sparagna presenta sabato 17 settembre alla Macchina dei Sogni, in piazza Sant’Oliva, a Palermo.

Un progetto originale di Sparagna per i solisti dell'Orchestra Popolare Italiana, con Eleonora Bordonaro e Antonio Smiriglia (voce) Cristiano Califano (chitarra), Arnaldo Vacca (percussioni), Erasmo Treglia (ghironda, torototela, ciaramella, fiati popolari) e gli Organetti di Tavola Tonda.

Di Bella Coppola.Ph Enrico La Bianca 

Ospite: Mimmo Cuticchio.
    
    Ma la lunga giornata de La Macchina dei Sogni si apre già alle 17,30 con “I tre doni del vento Tramontano, fiaba popolata da “I Pupi di STAC” del fiorentino Carlo Staccioli. Alle 18,30 Ludovico Caldarera e il Teatrino delle Beffe, raccontano le improbabili gesta del pasticcione Giufà, e aprono la via ai narratori. Per occupare il tempo e aspettare le 21 e il concerto di Di Bella&Coppola, si può invece camminare per piazza Sant’Oliva dove molti artigiani mostreranno i risultati della loro arte antica: stagnini, pupari, costruttori di strumenti, pittori, c’è di tutto nelle cabine trasportate da Mondello, e illuminate dalle “Luminarie dei sogni”, ideate dai giovani artisti dell’Accademia di Belle Arti.

Chi vuole può anche visitare la mostra “Viva Pitrè” che racconta la Palermo ai tempi dei “casotti” della Marina, a fine ‘700.
    
    Poi il concerto di Di Bella e Coppola, due musicisti ennesi che recuperano l’eco di una tradizione antica e più che mai viva.

Teatrino delle beffe 

Insieme hanno scritto e realizzato un disco, traducendo in siciliano antico, 12 testi della Scuola Poetica Siciliana, curandone anche gli arrangiamenti. Il loro concerto live è una sorta di viaggio narrativo fra i versi antichi e il mondo della canzone. Si chiude alle 22 con “Finisterre”, il concerto di Ambrogio Sparagna. Domenica mattina, alle 10,30, La Macchina dei Sogni presenterà il progetto del “Centro di Teatro di Figura Nazionale”, che si costituisce a Palermo su iniziativa dei Figli d’Arte Cuticchio. Il Centro viene alla luce dalle viscere e dal cuore de “La Macchina dei Sogni”, con l’intento di stimolare e sviluppare una rete di collaborazioni con il contributo di tutte le realtà attive nel Teatro di Figura. Ingresso libero.



 
S.T.
 
 
Commenti (0)


Per inserire un commento è necessario effettuare il login. Se non sei ancora un utente registrato clicca sul link Registrati in alto a destra.


 



Quotidiano regionale d'informazione
Anno: XXVI
Direttore Responsabile: Tonino Pitarresi
Registrazione Tribunale di Palermo: n° 08 del 24.02.1990
Editrice: Associazione Zed
Direzione, Amministrazione: Corso Camillo Finocchiaro Aprile, 165 - Palermo