Giornale del Mediterraneo: Quotidiano d'Informazione

Anno XXVI - Registrazione Tribunale di Palermo n° 08 del 24.02.1990  Ultimo aggiornamento 2016-12-04 15:48:31

"IO DIRÒ LA VERITÀ"

(tratto dal primo dei sette costituti del filosofo Giordano Bruno 1548-1600 bruciato vivo come eretico a Campo dè Fiori - Roma )

22 nuove notizie dal 03/12/2016      
Login
Registrati
Agrigento - Venerdì 16 Settembre 2016
Universi Geometrici Yumiko Kimura e Jun Sato


Jun Sato 

Agrigento 16 settembre 2016. Opere impalpabili, di vetro e di carta, fragili come può essere fragile il tempo. Ma che, contemporaneamente, assorbono la tradizione del loro Paese e la trasportano indenne ai giorni nostri. Yumiko Kimura, scultrice, lavora materiali non convenzionali, cercando di catturare la luce; Jun Sato, fotografo, esalta la forma geometrica e la trasferisce su carta che sa di antico.

I due artisti giapponesi, uniti dalla comune ricerca formale, sono i protagonisti di un inedito percorso che attraversa i secoli.

Jun Sato 


    
    Le loro opere, infatti, esposte prima all’interno della Valle dei Templi di Agrigento e poi alla FAM gallery, riescono a far rivivere le antiche pietre e, nello stesso tempo, dialogano con il futuro. Il Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi di Agrigento, in collaborazione con la FAM Gallery, presenta dunque la mostra, “Universi Geometrici.

Yumiko Kimura e Jun Sato”, a cura di Cristina Costanzo, patrocinata dal Museum of Geometric and MADI Art di Dallas e inserita nel calendario delle celebrazioni ufficiali del 150° anniversario delle relazioni tra Giappone e Italia.

Jun Sato 

La mostra si inaugura venerdì 23 settembre alle 17,30, all’ex Scuola rurale (via Passeggiata archeologica) nel cuore del Parco, che la ospita fino a mercoledì 28. Visite tutti i giorni 9-13 / 16 -19. Ingresso gratuito. Dall’1 al 30 ottobre le opere di Yumiko Kimura e Jun Sato saranno esposte alla FAM Gallery di Agrigento (via Atenea 91).

Inaugurazione alle 19. Visite dal martedì alla domenica 17,30-20,30.
    
    Il progetto espositivo raccoglie le opere, più recenti e orientate alla geometria, dei due artisti giapponesi, capaci di instaurare “un inedito dialogo non soltanto tra loro ma anche con lo straordinario luogo che le accoglie, offrendo così ampi orizzonti di pensieri e nuove affascinanti prospettive culturali”, spiega Cristina Costanzo.

Yumiku Kimura&Jun Sato 

Una mostra che nasce “con l’intento di far incontrare il mito, la storia di Agrigento, terra per antonomasia dei greci, con il contemporaneo, inteso come forma di espressione artistica”, spiega Stefano Fossati, direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Osaka.
    
    Yumiko Kimura (Tokyo, 1961) ha studiato arte e design tra Giappone, Italia e Francia, maturando un linguaggio cosmopolita.

Definita da Sakae Hasegawa poétesse du verre, impiega il vetro industriale float esplorandone le caratteristiche ottiche: disegno, taglio, lucidatura e collage non sono altro che elementi ricorrenti che danno vita a spirali, curve sinuose, angoli, movimento.

Yumiku Kimura 

Nel 2005 a Parigi, dove vive dal 1999, Yumiko entra in contatto con le idee del Madi - movimento fondato nel 1946 a Buenos Aires da Carmelo Arden Quin - e ne condivide i principi di “non espressione, non rappresentazione, non simbolizzazione”. Il Madi stimolerà l’artista giapponese a superare i condizionamenti della tradizione, l’uso di materiali non convenzionali e la forte valenza ludica.

Il passo ulteriore la porterà verso forme geometriche che lasciano le pagine per divenire pure opere d’arte.
    
    Le opere di Jun Sato (Tokyo, 1947), che si è formato tra Tokyo, Bordeaux e Parigi, sono invece immagini puramente geometriche, la cui unicità è insita nel loro originale processo creativo.

Yumiku Kimura 

Jun Sato elabora un modello di carta secondo le antiche tecniche orientali dell’origami (折り紙) e del kirigami (切り紙) e successivamente realizza fotografie digitali, su cui interviene con la rielaborazione dei rapporti di luce e colore. Grazie all’esperienza maturata tra l’Oriente e l’Occidente, il suo immaginario vive di una cultura figurativa articolata che conosce a fondo l’arte europea del XX secolo e la tradizione giapponese, evocata nel ricorso alle tecniche di lavorazione della carta e nell’alternarsi del vuoto e del pieno secondo i principi Zen.

Anche Sato abbandonerà felicemente la figurazione per approdare alla più recente serie di fotografie geometriche, esaltate da ritmo e luce.

Yumiku Kimura 


 



 
S.T.
 
 
Commenti (0)


Per inserire un commento è necessario effettuare il login. Se non sei ancora un utente registrato clicca sul link Registrati in alto a destra.


 



Quotidiano regionale d'informazione
Anno: XXVI
Direttore Responsabile: Tonino Pitarresi
Registrazione Tribunale di Palermo: n° 08 del 24.02.1990
Editrice: Associazione Zed
Direzione, Amministrazione: Corso Camillo Finocchiaro Aprile, 165 - Palermo