Giornale del Mediterraneo: Quotidiano d'Informazione

Anno XXVI - Registrazione Tribunale di Palermo n° 08 del 24.02.1990  Ultimo aggiornamento mercoledì 7 dicembre 2016, 12:28

"IO DIRÒ LA VERITÀ"

(tratto dal primo dei sette costituti del filosofo Giordano Bruno 1548-1600 bruciato vivo come eretico a Campo dè Fiori - Roma )

36 nuove notizie dal 06/12/2016      
Login
Registrati
Siracusa - Sabato 1 Ottobre 2016
Ortigia Sailing Cup. Prima edizione




 

Siracusa 1 ottobre 2016 – Sport, dramma antico, turismo, tutti gli ingredienti per preparare un evento che farà parlare di sé pe i significati simbolici che racchiude e per le potenzialità che riuscirà ad esprimere. Prima della partenza, il racconto di Archia per i 2750 anni di Siracusa. E' iniziata ieri, con l’ omaggio alla città, a cura dei docenti dell’Accademia d’Arte del Dramma Antico, la partenza della prima edizione della regata d’altura, Ortigia Sailing Cup, organizzata dal Club Nautico Ortigia, con il patrocinio dell’Area Marina Protetta del Plemmirio e del Comune di Siracusa. La regata, che intende diventare una classica del Mediterraneo, coincide, infatti, con l’avvio delle celebrazioni per i duemilasettecentocinquant’anni dalla Fondazione della città di Siracusa. Al Foro Italico, con la straordinaria scenografia naturale del Porto Grande, si sono esibiti circa cinquanta tra bambini e studenti siracusani, allievi della Sezione Fernando Balestra. La performance, a cura di Michele Dell’Utri, con Attilio Ierna, Doriana La Fauci ed Elena Polic Greco e la drammaturgia di Giusi Norcia. Prima del via alla regata, mentre le barche erano al largo per prepararsi alla partenza, gli attori dell’Accademia d’Arte del Dramma Antico hanno recitano e cantato brani legati all’arrivo di Archia a Siracusa. In mare, a bordo di “Brigantino Tyche”, un bialbero dei primi del Novecento (messo a disposizione da Salvatore e Bettina Giarratana), i giovani della Sezione Fernando Balestra, con i costumi di repertorio dell’Inda.

La performance si conclusa con una festa musicale, a cura di Mariuccia Cirinnà.
    
    A dare voce ad Archia, Attilio Ierna. Testimonial della manifestazione, che apre le celebrazioni per i 2750 anni dalla Fondazione di Siracusa, l’attore Enrico Lo Verso che ha letto brani tratti dal libro “Siracusa, dizionario sentimentale di una città” di Giusi Norcia.
    
    Quindi il via del comitato di regata alla partenza.

 


    
    “Oggi inizia un itinerario che proseguirà con una serie di eventi dedicati ai 2750 anni della nostra città – ha detto il sindaco di Siracusa – Giancarlo Garozzo – Anche questa manifestazione è la dimostrazione che sport, turismo e cultura sono le chiavi per la crescita di Siracusa”.
    
     “Per un giorno – ha detto l’assessore allo Sport del Comune di Siracusa, Francesco Italia – ci siamo sentiti tutti Archia, abbiamo ricordato ciò che ha dato vita alla storia della nostra città”.
    
    Tra le imbarcazioni iscritte all’Ortigia Sailing Cup, c’è Scugnizza di Enzo de Blasio che a luglio si è aggiudicata, in Grecia, il campionato Europeo Orc, l’unico titolo che ancora mancava nel suo palmares. Lo scafo napoletano, portacolori del Circolo Canottieri Napoli, ha vinto due volte il titolo iridato ad Helsinki nel 2012 e ad Ancona nel 2013 e quello italiano nel 2012.
    
    Le barche partite dal Porto Grande di Siracusa, veleggeranno per centotrentacinque miglia, toccando la Riserva naturale Ciane e Saline , l’Area Marina Protetta del Plemmirio, la Riserva naturale orientata di Vendicari e l’Area Marina Protetta Isole Ciclopi. Sfioreranno anche tre Tonnare (Tonnara di Vendicari, di Marzamemi e di Porto Palo) e sei Fari (Capo Murro di Porco, Cozzo Spadaro, Capo Passero, Capo Santa Croce, il Faro di Catania e quello di Capo Mulini).


    
    La regata è organizzata dal Club Nautico Ortigia, in collaborazione con la Lega Navale Italiana, i Circoli Ribellino, Lakkios, Aretusa, sotto l’egida della Federazione Italiana Vela e dell’Unione Vela d’Altura Italiana.
    
    La lunghezza del percorso è stata appositamente scelta per potere inserire, come concordato con l’Uvai – l’Unione Vela d’Altura Italiana - già a partire dal prossimo anno, l’Ortigia Sailing Cup tra le competizioni del Campionato italiano Off Shore.

Da sx:Giancarlo Garozzo con Francesco Italia 

Queste gare, infatti, prevedono un percorso superiore alle 100 miglia.
    
    “Riuscire in soli due mesi – spiega la coordinatrice del progetto Ortigia Sailing Cup, Concetta Carbone – ad organizzare ed inserire questa regata nel calendario Fiv, la Federazione italiana Vela, è frutto di un lavoro di squadra. Con nostra grande soddisfazione l’Ortigia Sailing Cup ha ufficialmente aperto le celebrazioni per i 2750 anni dalla Fondazione di Siracusa. Abbiamo voluto iniziare con questa regata,a ricordare il fondatore della città, Archia, che sbarcò sull’isola di Ortigia”.
    
    Lasciato il Porto, le imbarcazioni hanno raggiunto la Riserva naturale Ciane e Saline, quindi, facendo rotta verso Sud, lungo la costa dell’Area Marina Protetta del Plemmirio. Doppiato il faro di Capo Murro di Porco, le barche potranno proseguire a destra, facendo rotta verso la Riserva naturale orientata di Vendicari. Il percorso di gara proseguirà verso la Tonnara di Marzamemi e successivamente verso quella di Porto Palo, nei pressi dell’isola di Capo Passero.
    
    Da qui l’inversione di rotta verso Nord, fino al rientro al Porto Grande di Siracusa. Le barche, dopo essere passate da un cancello predisposto davanti al molo della Capitaneria di Porto, si dirigeranno - in direzione Nord - verso l’ Area Marina Protetta Isole Ciclopi, nei pressi di Acitrezza.


Quindi il rientro verso Sud, con arrivo nel Porto Grande di Siracusa.
    
    Non sono poche le insidie che i velisti dovranno fronteggiare nelle prossime ore. Prima fra tutte le bolle di vento. Ma in questa regata le criticità saranno rappresentate soprattutto dai bassi fondali in prossimità dell'isoletta di Vendicari e di Capo Santa Croce. Senza dimenticare il passaggio in notturna vicino ai faraglioni di Acitrezza: è sempre difficile individuare la boa e percepire la distanza tra essa e la terraferma.
    
    Oltre alla partenza, il Porto di Siracusa sarà anche il traguardo intermedio e finale della gara. Questo permetterà agli spettatori di assistere al passaggio delle imbarcazioni e, grazie agli schermi posizionati alla Marina, lo storico “passeggio”, sarà possibile seguire l’andamento della competizione. Ogni barca, infatti, avrà a bordo un tracker che consente di controllare in tempo reale la posizione di ciascun equipaggio partecipante.
    
    La premiazione degli equipaggi vincitori è fissata per domenica 2 ottobre alle 11 presso il Foro Italico.

 
Mauro Di Stefano
 
 
Commenti (0)


Per inserire un commento è necessario effettuare il login. Se non sei ancora un utente registrato clicca sul link Registrati in alto a destra.


 



Quotidiano regionale d'informazione
Anno: XXVI
Direttore Responsabile: Tonino Pitarresi
Registrazione Tribunale di Palermo: n° 08 del 24.02.1990
Editrice: Associazione Zed
Direzione, Amministrazione: Corso Camillo Finocchiaro Aprile, 165 - Palermo