Giornale del Mediterraneo: Quotidiano d'Informazione

Anno XXVI - Registrazione Tribunale di Palermo n° 08 del 24.02.1990  Ultimo aggiornamento mercoledì 7 dicembre 2016, 14:28

"IO DIRÒ LA VERITÀ"

(tratto dal primo dei sette costituti del filosofo Giordano Bruno 1548-1600 bruciato vivo come eretico a Campo dè Fiori - Roma )

44 nuove notizie dal 06/12/2016      
Login
Registrati
Siracusa - Martedì 18 Ottobre 2016
Villaggio Miano, in Consiglio comunale rischio Idrogeologico ed idraulico

Siracusa 18 ottobre 2016 - “Al di la della retorica, non posso che esprimere le mie soddisfazioni per l’esito del Consiglio Comunale sul rischio Idrogeologico ed idraulico con particolare riferimento al Villaggio Miano nel quartiere Epipoli. Avere compiuto un ulteriore passo in avanti dopo decenni di immobilismo assoluto è un grande risultato, al di la di cosa ne possono pensare i soliti denigratori che gratuitamente si trovano ovunque. Dopo l’attenzione recente con ennesimi indirizzi, atti e mozioni all’Amministrazione, il vero risultato è rappresentato dalla conseguenziale presentazione degli Emendamenti di euro 120.000,00 e di euro 50.000,00, rispettivamente per la realizzazione del collettore di via Madonie e l’intervento in via Monti Peloritani, nonché la somma necessaria per garantire la manutenzione ordinaria e non straordinaria dei canaloni a cielo aperto esistenti nel territorio siracusano. Tanti Consiglieri hanno condiviso i due Emendamenti che riteniamo fondamentali per dare qualche risposta concreta ai cittadini del Villaggio Miano. Infatti la realizzazione del collettore di via Madonie dovrebbe smaltire qualcosa come 200 litri di acqua al secondo, come dichiarato dall’Ing. Borgione anche oggi in Consiglio Comunale. Non ci sembra un risultato di poco conto dopo decenni di immobilismo, anche in considerazione che dopo anni e anni di pressing, sarà realizzato il manto stradale di viale Epipoli che seguiremo con molta attenzione perché venga eseguito nel migliore dei modi. Per i progetti di grande portata per le quali ci sono tante versione, molti di natura politica, riteniamo che tenere alta l’attenzione sulla problematica, e istituire un tavolo tecnico, potrà sicuramente servire a trovare qualche soluzione definitiva. Ovviamente non vanno dimenticate tutte le altre zone periferiche della città a rischio idrogeologico ed idraulico, come Tivoli, le zone balneari, Fontane Bianche e Cassibile per i quali va seriamente affrontato il problema con adeguati progetti esecutivi visto che è stato approvato il disegno di legge di bilancio dello Stato per l’anno finanziario 2017 e per il triennio 2017/2019 che prevede, tra gli altri, la disponibilità di incentivi per la somma di 3 miliardi di euro per il contrasto al dissesto idrogeologico e per l’edilizia scolastica.  Credo una buona opportunità da utilizzare a patto che ci si fa trovare pronti con le progettazioni definitive”.

Mauro Di Stefano

 
Commenti (0)


Per inserire un commento è necessario effettuare il login. Se non sei ancora un utente registrato clicca sul link Registrati in alto a destra.


 



Quotidiano regionale d'informazione
Anno: XXVI
Direttore Responsabile: Tonino Pitarresi
Registrazione Tribunale di Palermo: n° 08 del 24.02.1990
Editrice: Associazione Zed
Direzione, Amministrazione: Corso Camillo Finocchiaro Aprile, 165 - Palermo