Giornale del Mediterraneo: Quotidiano d'Informazione

Anno XXVI - Registrazione Tribunale di Palermo n° 08 del 24.02.1990  Ultimo aggiornamento 2016-12-04 06:57:45

"IO DIRÒ LA VERITÀ"

(tratto dal primo dei sette costituti del filosofo Giordano Bruno 1548-1600 bruciato vivo come eretico a Campo dè Fiori - Roma )

18 nuove notizie dal 03/12/2016      
Login
Registrati
Palermo - Lunedì 14 Novembre 2016
Commemorato Calogero Zucchetto a 34 anni dalla sua uccisione


 

Palermo 14 novembre 2016 – In corso di svolgimento la cerimonia commemorativa per ricordare il poliziotto Calogero Zucchetto, nella ricorrenza del 34° anniversario della sua uccisione.
    
    Il noto investigatore della Squadra Mobile di Palermo, fu ucciso a colpi di arma da fuoco da mano mafiosa la sera del 14 novembre 1982, mentre usciva dal bar Collica di via Notarbartolo.
    
    Lillo Zucchetto pagò con la vita la sua curiosità investigativa, infatti mentre era assieme al commissario Ninni Cassarà andava in giro in motorino per i vicoli di Palermo, nella borgata periferica di Ciaculli, a caccia di latitanti, incontrò due killer al servizio dei corleonesi, Pino Greco detto "scarpuzzedda" e Mario Prestifilippo, che aveva frequentato quando non erano mafiosi. Questi lo riconobbero e non si fecero catturare. All'inizio di novembre del 1982, dopo una settimana di appostamenti, tra gli agrumeti di Ciaculli riconobbe il latitante Salvatore Montalto, boss di Villabate, ma essendo solo e non avendo mezzi per catturarlo rinunciò alla cattura, avvenuta poi il 7 novembre con un blitz condotto da Ninni Cassarà.
    
    I delinquenti non gli perdonarono il suo persistente impegno nella ricerca dei pericolosi assassini che in quegli anni imperversavano per le strade di Palermo e la sera del 14 novembre 1982 lo uccisero brutalmente.
    
    A 34 anni di distanza, proprio nel luogo di quell’eccidio, all’angolo tra la via Notarbartolo e la via Libertà, luogo ribattezzato “Largo degli Abeti”, le più alte cariche cittadine, della Polizia di Stato, autorità civili e militari, hanno ricordato il martirio di quel giovane poliziotto.
    
    Il Questore di Palermo, Guido Nicolò Longo, deporrà una corona sulla lapide dell’omicidio dell’agente originario di Sutera (Cl), nel contesto di una cerimonia che servirà a ricordare che chi muore per la giustizia e nell’adempimento del proprio dovere è cittadino della nostra memoria.
    
    
    
    
    
    ngibiino@gdmed.it



 
Antonino Gibiino
 
 
Commenti (0)


Per inserire un commento è necessario effettuare il login. Se non sei ancora un utente registrato clicca sul link Registrati in alto a destra.


 



Quotidiano regionale d'informazione
Anno: XXVI
Direttore Responsabile: Tonino Pitarresi
Registrazione Tribunale di Palermo: n° 08 del 24.02.1990
Editrice: Associazione Zed
Direzione, Amministrazione: Corso Camillo Finocchiaro Aprile, 165 - Palermo