Giornale del Mediterraneo: Quotidiano d'Informazione

Anno XXVI - Registrazione Tribunale di Palermo n° 08 del 24.02.1990  Ultimo aggiornamento 2016-12-04 06:57:45

"IO DIRÒ LA VERITÀ"

(tratto dal primo dei sette costituti del filosofo Giordano Bruno 1548-1600 bruciato vivo come eretico a Campo dè Fiori - Roma )

18 nuove notizie dal 03/12/2016      
Login
Registrati
Roma - Domenica 20 Novembre 2016
Al Senato, inaugurato Anno Accademico del Parlamento Legalità Internazionale


 

Roma 20 Novembre 2016 - Al Senato, inaugurato l’Anno Accademico 2016/2017 del Parlamento della Legalità Internazionale. «“Come uomo di Governo sono qui per dirvi grazie per tutto ciò che fate, per aver scelto di dare voce a una cultura di legalità e di rispetto della Costituzione di cui il nostro Paese ha bisogno. Siamo noi Governo a ringraziarvi uno per uno arrivati da tutta Italia perché voi agite in difesa dei veri valori della vita”. Chi parla è il Generale dell’Esercito Domenico Rossi in veste oggi di Sottosegretario di Stato al Ministero della Difesa il quale da più di un anno fa parte del Parlamento della Legalità Internazionale. Tantissimi cittadini, dirigenti scolastici, docenti, studenti, imprenditori, uomini delle forze dell’ordine, esponenti del mondo musicale e artistico da tutta Italia hanno accolto l’invito di Nicolò Mannino fondatore e presidente di questo movimento a essere presenti all’inaugurazione di un anno accademico che da lontano saluta e organizza già eventi su tutto il territorio nazionale nel ricordo del XXV anniversario della strage di Capaci e via D’Amelio.

Il primo ad arrivare in sala il senatore Beppe Lumia che ha incoraggiato il cammino del Parlamento della Legalità Internazionale sottolineando “come i fondatori (Nicolò Mannino, Salvatore Sardisco, Carlo Pacella e tanti con loro) sono credibili perché non vendono parole ma fanno fatti e non si sono mai adagiati negli allori dell’antimafia di facciata”.

 

Anche il già Ministro Giovanardi ha indirizzato un plauso e un saluto a questo singolare momento culturale mentre il professore Carlo Pacella ha presentato il progetto formativo culturale che il movimento intende vivere con i giovani e cittadini del nostro Paese. A moderare il dibattito culturale con grande professionalità il giornalista Rai e scrittore Pino Nazio. A dare il benvenuto ci ha pensato Salvatore Sardisco, vice presidente del Parlamento della Legalità Internazionale che ha raccontato anni e anni di impegno culturale vissuto con amore e tanta passione, proprio per non dimenticare il sacrificio delle tante vittime che hanno pagato con la vita, una cultura di riscatto.  “Noi ci crediamo - ha precisato Salvo Sardisco - e siamo qui oggi per dire a tutti che non è tutto finito”.

Poi citando un canto ha sottolineato che “Quando qualcuno ti dice nulla mai cambierà, lotta per un mondo nuovo, lotta per la Verità”. La parola è poi passata a un papà che da mesi crede nel cammino del Parlamento della Legalità Internazionale; “Incontri come questi - ha detto Piero Orilia, sono importanti per la crescita sana dei nostri figli che credono nella sacralità della vita e nel rispetto dell’uomo, proprio ripartendo da quella fede che si respira tra le mura domestiche”.

 

 Le scuole presenti, da Monza ad Acerra, da Palermo a Cerda hanno presentato i loro lavori per sottolineare che la vera cultura della legalità passa dai banchi di scuola. Nicolò Mannino prendendo la parola ha presentato e riletto la lettera di Giovanni Paolo II che già l’otto settembre del 1994 gli scriveva “esortandolo a proseguire con fermezza nell'impegno...” e subito dopo ha dato lettura del messaggio del Presidente del Senato Pietro Grasso che ha avuto parole di affetto e di ammirazione verso il Parlamento della Legalità Internazionale. Durante la manifestazione sono stati nominati i Coordinatori Culturali del movimento nelle diverse regioni d’Italia: dalla Lombardia alla Toscana, dal Veneto al Lazio, dalla Puglia alla Campania sino in Sicilia. Proprio per sottolineare che il Parlamento della Legalità Internazionale sprona artisti e giovani a dare il meglio di sé a favore di una cultura di riscatto, sono stati premiati artisti come il compositore di brani e componente dell’Associazione Nazionale Italiana Cantanti Massimo Zoara, l’artista di fama nazionale Ivano  La Montagna, la giovane debuttante nel mondo cinematografico Denise Sardisco, il campione medaglia d’oro dello sport Giovanni Orilia, l’imprenditore Umberto De Matteis, il commissario straordinario della Uiltrasporti Sicilia Agostino Falanga, il fotografo e musicista Enrico Angelini, e il fotoreporter del Parlamento della Legalità Internazionale che da anni collabora con passione e zelo nell’immortalare momenti significati del cammino culturale del movimento Giancarlo La Barbera.

In platea anche Claudio Zambelli, coordinatore dello “Zecchino d’Oro” e la prof.ssa Anna Lisa Tiberio che in poco tempo ha portato in casa “Parlamento della Legalità Internazionale” ben quaranta scuole da Verona e provincia. Preziosa e singolare in sala anche la presenza degli studenti e studentesse del Parlamento della Legalità Internazionale e Multietnico che ha sede presso l’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “Francesco Ferrara” di Palermo, scuola che abbraccia all’intercultura e di cui il 30 % degli alunni arrivano da diverse parti del mondo.

 

Il Dirigente Scolastico Eliana Romano, grande donna di cultura e di altrettanta umanità e professionalità, ha accettato l’invito di far partecipare al Senato proprio una delegazione di studenti e studentesse di questa scuola simbolo di integrazione, cultura, accoglienza e tanta professionalità. A dominare simpaticamente con emozione l’evento ci ha pensato Ciro, 12 anni, arrivato dall’Istituto Comprensivo Siani di Acerra che ha cantato e piangendo ha detto NO alla camorra e SI alla Legalità dichiarando con il nodo in gola “da grande voglio far parte del Parlamento della Legalità Internazionale”. A tutti in dono cartoline, dvd, segnalibri, e tanti abbracci di cuore per un buon lavoro indirizzando un caloroso applauso a tutte le vittime della mafia che non hanno avuto paura di dire da quale parte stare. E in questo il Parlamento della Legalità Internazionale ci crede, mettendoci cuore, faccia e passione».
    
    longo@gdmed.it


 



 
Giuseppe Longo
 
 
Commenti (0)


Per inserire un commento è necessario effettuare il login. Se non sei ancora un utente registrato clicca sul link Registrati in alto a destra.


 



Quotidiano regionale d'informazione
Anno: XXVI
Direttore Responsabile: Tonino Pitarresi
Registrazione Tribunale di Palermo: n° 08 del 24.02.1990
Editrice: Associazione Zed
Direzione, Amministrazione: Corso Camillo Finocchiaro Aprile, 165 - Palermo