Contratto a cifre variabili. Altro che equiparazione al carovita di questi anni!

0
356

Roma – Il rinnovo del contratto per il personale della scuola potrebbe portare, per la prima volta, a cifre variabili che potrebbero essere erogate ad un numero limitato di docenti che percepiscono un salario annuo/lordo tra i 24mila ed i 26mila euro, in nome del principio di riduzione della “forbice stipendiale” tra i lavoratori, ma dimenticando che un contratto bloccato da quasi 8 anni merita innanzi tutto, una equiparazione per tutti per il recupero del gap carovita di questi anni!

Certo è che se prende quota la proposta, tutti coloro il cui tetto salariale annuo è superiore a 26mila euro si possono scordare i tanti promessi 85 euro/lordi/medi/mensili. Nella scuola, giusto per fare un esempio, starebbero fuori dall’aumento quasi tutti i docenti che lavorano da oltre 15-20 anni, quindi una gran bella fetta di personale di ruolo!

Ma Governo e Sindacati tutti, a quanto pare, hanno fretta di chiudere. Come? Ovviamente al ribasso!

CERIPNEWS