Una poltrona per cinque

0
560
Sculture acefale che adornano l’ingresso del Municipio

 

Si chiude questa sera alle ore 23 la corsa per il sindaco della città

Termini Imerese (Pa) – La città delle Terme oggi deciderà chi sarà il nuovo Sindaco per i prossimi cinque anni.

Saranno circa sedicimila gli elettori che entro le 23,00 di quest’oggi esprimeranno la loro preferenza sul nominativo del primo cittadino e di sedici consiglieri.

Questi i numeri: cinque candidati a Sindaco con tredici liste con duecentotto aspiranti consiglieri comunali.

I candidati a sindaco sono: Pippo Preti, appoggiato dalle liste Nueve Idee, Termini al Centro e Ama la tua Città; Armando Di Liberto sostenuto da una sola lista quella del Movimento Cinque Stelle; Vincenzo Fasone da Termini Imerese e la tua Città, Patto per Termini e La Città che Vogliamo. Pietro Sorce è appoggiato dalle liste: Nuova Termini, Pietro Sorce Sindaco e Termini Democratica. Infine Francesco Giunta fa riferimento alle liste: Francesco Giunta 2017, Fratelli d’Italia e Forza Italia.

La città delle Terme, attualmente commissariata, torna alle urne dopo le dimissioni di Salvatore Burrafato del giungo scorso. Attualmente sarà il commissario straordinario Girolamo Di Fazio a passare il testimone ad uno dei cinque canditati a Sindaco nei prossimi giorni.

Intanto sono in molti in città a chiedersi se uno dei cinque candidati a Sindaco sarà in grado di essere eletto a primo turno o si dovrà aspettare ulteriori quindici giorni per il round decisivo tra i primi due che otterranno il numero maggiore di preferenze.

Questa seconda ipotesi sembrerebbe la più accreditata tra gli elettori termitani.

Di certo chi occuperà la poltrona di Sindaco, secondo quanto riferito da alcuni termitani interpellati questa mattina, il compito non sarà facile. Si dovrà affrontare la questione del bilancio finanziario ancora non approvato e della zona industriale, sono solo alcuni punti che si dovranno risolvere sin dal primo giorno che il nuovo Sindaco metterà piede a “Palazzo del Magistrato”.

Così come anche il patrimonio culturale del territorio così ricco di storia e di monumenti che deve essere valorizzato perché a detta di tutti i candidati – ma non solo – è in grado di generale opportunità economiche.

Non ci resta che aspettare l’apertura delle urna per conoscere il nome del nuovo Sindaco e dei sedici consiglieri comunali. Solo domani mattina alle prime luci del sorgere del sole avremo i primi nominativi che il popolo terminato ha scelto come rappresentati per i prossimi cinque anni.

A tutti coloro che riusciranno ad essere eletti possiamo solo augurare buon lavoro!

Roberto Tedesco