Salvo Sardisco ne è certo: “Con i giovani si vince sempre”

0
1030

 

Monreale (PA) – Salvo Sardisco ne è certo: “Con i giovani si vince sempre”. «L’Ambasciata del Tricolore sventola già dal diciotto luglio nella base dell’Aeronautica Militare di Trapani/Birgi e Salvatore Sardisco, Vice Presidente del Parlamento della Legalità Internazionale ne va sempre più fiero poiché ama il “Tricolore” e non perde occasione in ogni suo incontro con i giovani di indicare in quel “verde, bianco e rosso” tutto l’amore che ogni cittadino deve alimentare verso lo Stato e quel fondamentale senso di Patria che “unisce i popoli in un cuor solo e in un’azione forte in difesa dei suoi concittadini”. Salvatore Sardisco, da anni colonna portante del Parlamento della Legalità Internazionale, grande collaboratore del Presidente Nicolò Mannino, è chiaro nel suo pensiero e molto incisivo nell’animo dei giovani studenti che affollano sempre gli appuntamenti culturali con questo movimento che si accinge a celebrare il suo primo convegno nazionale, il prossimo otto e nove settembre a Poggio San Francesco, alle porte della splendida città di Monreale. “E’ nostro dovere – dice Salvatore Sardisco – presentare ai nostri figli, ai giovani, a tutti i cittadini di buona volontà il senso di Patria come appartenenza a una grande famiglia che ama il confronto, il dialogo, la progettualità per crescere e vivere insieme le fasi di un cammino verso il bene Comune”. Salvatore Sardisco non ha dubbi: “Dove germoglia il rispetto, la gratitudine, l’apprezzamento e il linguaggio della solidarietà e della fraternità lì si può parlare di crescita socio/politico culturale e di impegno concreto verso orizzonti di progresso che danno senso ai principi della nostra Costituzione Italia, carta magna di un vivere civile di un popolo che non deve mai dimenticare i suoi figli che hanno pagato con la vita un autentico impegno per la rinascita del presente e il risveglio delle coscienze”. Per dare corpo a queste parole, baluardo inconfutabile di un progetto culturale che piace e affascina dalla Sicilia alla Lombardia, Salvatore Sardisco in queste ore tesse dialoghi, iniziative, propone iniziative con tutti i coordinatori culturali del Parlamento della Legalità Internazionale che il prossimo otto settembre saranno presenti al primo convegno nazionale che ha un tema che richiama il pensiero del giudice Rosario Livatino “Coerentemente Liberi”. Il giudice ragazzino di Canicattì, vittima del piombo della solitudine e poi di quello mafioso ebbe a dire “Fate di tutto per rimanere coerentemente scomodi”. Impegno, determinazione, coerenza, entusiasmo e amore gratuito e disinteressato sono tutti gli elementi che fanno fermentare nel cuore degli studenti (e non solo) l’amore e l’adesione al Parlamento della Legalità Internazionale.  Salvatore Sardisco, papà e uomo impegnato in questo cammino culturale, tutto ciò lo incarna perfettamente, basta solo ricordare con quanta passione e impegno ha dato vita alla sede di presidenza del Parlamento della Legalità Internazionale a Monreale, con quanta passione ha coinvolto centinaia di “amici” del Parlamento della Legalità Internazionale all’incontro a Montecitorio e al Senato per appuntamenti nazionali sul tema della Legalità e della Solidarietà, e poi all’udienza con Papa Francesco in piazza San Pietro. Non ultimo il coordinamento della delegazione studentesca monrealese diretta al “Giardino della Memoria” (diversi pullman di studenti delle scuole cittadine) dove con Mons. Michele Pennisi – Arcivescovo di Monreale – si è pregato per tutti i bambini vittime della violenza.  Salvatore Sardisco è l’uomo del pensiero e del fare, un punto di riferimento per dar voce a tutti quegli eventi che lo vedono sempre in dialogo con l’Arcivescovo di Monreale Mons. Michele Pennisi, guida spirituale del Parlamento della Legalità Internazionale, sempre pronto a dare concretezza e bellezza a quanto i giovani portano nel cuore. Questo modo di essere e di fare gli hanno già fruttato ben quattro cittadinanze onorarie non solo in Sicilia ma anche in Basilicata e Puglia. “Dobbiamo non perdere mai di vista l’amore alla vita e al nostro Paese – dice il Vice Presidente Sardisco – con il Tricolore nel cuore e dando senso a quel verde che richiama la speranza in un mondo migliore, il bianco alla purezza di pensiero e di azione per una crescita socio-politico-culturale, il rosso al sangue innocente versato da chi ha creduto fino alla fine alla rinascita del risveglio delle coscienze che spesso sono assopite dall’indifferenza”. Il Tricolore sventola nella sede del Parlamento della Legalità Internazionale e il primo ad aver fissato l’asta nel muro è stato il Generale di Corpo d’Armata Domenico Rossi, Sottosegretario di Stato del Ministero della Difesa. Da quel giorno il Tricolore sventola e vive nel cuore di chi ama la crescita di questa Patria partendo sempre dal servizio… e uno di questi è proprio Salvatore Sardisco».

longo@gdmed.it

Giuseppe Longo