A.Figuccia: “Impianto Tmb di Bellolampo”

0
439

 

Rap costretta a sottrarre oltre 100 operai dal servizio di spazzamento”

Palermo – “Potrebbero essere oltre 100 gli operai che la Rap, ogni giorno, è costretta a sottrarre dal servizio di spazzamento delle strade cittadine per dirottarli all’impianto TMB di Bellolampo, che, funzionando 24 ore su 24, necessita di parecchi addetti per selezionare i rifiuti prima di essere depositati nella discarica”. Lo afferma Angelo Figuccia, presidente del Comitato per i diritti dei cittadini, che prosegue: “L’impianto è stato voluto e costruito dalla Regione, ma la sua gestione è in carico alla Rap. Ma, per evitare quello che accade ormai da troppo tempo, con gran parte della città sommersa di rifiuti e quasi tutti i quartieri periferici abbandonati a loro stessi – come se ci fossero cittadini palermitani di serie A, quelli del centro, e di serie B, chi abita in periferia – perché la Regione non provvede ad utilizzare il proprio personale, magari utilizzando qualcuno delle migliaia di precari – sono nella provincia di Palermo gli ex Pip solo circa 3300 – per far funzionare l’impianto TMB di Bellolampo, liberando in questo modo risorse umane preziose che la Rap utilizzerebbe per pulire le strade?

Così, si risolverebbero contemporaneamente due problemi: da un lato, aumenterebbero gli operai addetti alla pulizia delle strade cittadine, dall’altro si renderebbero produttivi, restituendo loro la dignità di lavoratori, tanti precari “figli di mamma Regione” che pesano sul bilancio di Palazzo d’Orleans”.