Chiedono controlli serrati per le aziende autorizzate dalla Regione a trattare il percolato

0
412
Il sindaco Francesco Giunta
Il sindaco di Termini Imerese (Pa) Francesco Giunta

 

Il sindaco e l’Amministrazione”Non permetteremo che i livelli superino i limiti delle quantità autorizzate” 

Termini Imerese (Pa) – Evitare allarmismi e rispettare le regole per ciò che riguarda raccolta e smaltimento di percolato in due aziende dell’area industriale di Termini Imerese proveniente dalla discarica di Mazzarà Sant’Andrea. Per questi motivi l’Amministrazione comunale chiede che gli organi preposti al controllo di questa attività, tra cui Arpa, Assessorato Ambiente e Territorio,  Capitaneria di Porto, Nas, ad effettuare controlli certosini e serrati, per evitare che lo svolgimento di questa attività nell’area industriale di Termini Imerese avvenga nel pieno rispetto delle normative vigenti, anche per evitare che possano ripetersi episodi disdicevoli come quello accaduto qualche anno fa, quando liquami inquinanti sono stati riversati in mare, avvenimento per il quale è ancora in corso un’inchiesta giudiziaria.

Non permetteremo che i livelli di percolato trattato dalle aziende insistenti nel nostro territorio superino i limiti delle quantità autorizzate. 

Resta fermo che questa Amministrazione comunale, nell’ottica di un rilancio turistico culturale, auspica una riconversione industriale soltanto con aziende eco-compatibili.