Suicidio agente di Polizia

0
628

 

Ugl bacchetta l’Amministrazione comunale e chiede audizione in VII commissione

Palermo – Si è verificato a Palermo l’ennesimo suicidio di un agente di polizia. Si riapre la polemica. Già il 4 aprile l’ex consigliere comunale Angelo Figuccia, attraverso un’interrogazione, aveva chiesto lumi sul regolamento dell’armamento della polizia municipale esponendo tutte le sue perplessità circa la mancata applicazione del regolamento vigente e in particolare alla norma che prevede la “visita medico-legale di idoneità presso le ASL di appartenenza o medico militare” che attesti l’idoneità psicofisica dell’agente. Ad oggi solo indifferenza da parte dell’amministrazione comunale e dei vertici della polizia municipale. 

Nel marasma, interviene il dirigente Ugl Daniele Galici che bacchetta l’amministrazione comunale per l’atteggiamento qualunquista. “Mi stringo certamente al dolore della famiglia del collega – afferma Galici – ma così, sia chiaro, non si può andare avanti. Pertanto chiederò un’audizione presso la VII Commissione consiliare per per chiedere con urgenza che la Commissione prenda posizione circa l’applicazione del succitato regolamento”.