Accesso al pubblico presso gli uffici dell’Edilizia Privata

0
523

 

Il collegio dei geometri critica la revoca del provvedimento.

Il presidente Garofalo: “politica poco accorta e lungimirante”

Palermo – “La vicenda che ha visto protagonista Rosa Vicari, dirigente del Comune di Palermo presso il settore Edilizia privata, è emblematica dell’incapacità della politica di sintonizzarsi con le istanze della collettività e di recepire compiutamente indicazioni tecniche che, se ben messe in atto, potrebbero contribuire a migliorare la qualità dei servizi resi ai cittadini”: con queste parole, il presidente del Collegio dei Geometri e Geometri laureati della provincia di Palermo Carmelo Garofalo interviene sulla revoca del provvedimento che aveva cambiato le regole di accesso del pubblico negli uffici di via Ausonia.

Un provvedimento che il Collegio aveva apprezzato “perché orientato alla risoluzione di disfunzionalità e disagi che la categoria denuncia da tempo” come spiega il presidente Garofalo che, nei giorni scorsi, attraverso un comunicato stampa, aveva puntato l’indice contro la mancata organizzazione del lavoro negli uffici comunali, con particolare attenzione rivolta all’assenza di dirigenti tecnici in grado di gestire le pratiche.

“L’apertura della dirigente Vicari rispetto alle nostre istanze – spiega Garofalo – ci era parsa un segnale significativo di ascolto: il sistema del turno unico e delle prenotazioni era infatti una possibile soluzione al caos e alle lungaggini che impediscono, di fatto, il normale svolgimento delle attività e che rappresentano un ostacolo spesso insormontabile per gli imprenditori e i cittadini alle prese con la burocrazia”.

“Spiace constatare – aggiunge – come la politica abbia perso, ancora una volta, una buona occasione per risolvere i problemi in atto”.

“Rimaniamo comunque disponibili al confronto con l’amministrazione comunale – conclude – seppure nella consapevolezza che la strada per la razionalizzazione e la semplificazione dei servizi è ancora lunga”.

M.L.B.