Appello a Nicolò Mannino: “Diamo voce a Giovannino”

0
2337
Nicolò Mannino

 

Palermo – Riceviamo dal presidente del Parlamento Della Legalità Internazionale, Nicolò Mannino e pubblichiamo: «Caro Presidente Nicolò Mannino, le scrivo la presente poiché più volte ho visitato la sua pagina e sono rimasto colpito da tutte quelle iniziative da lei messe in atto, che rappresentano il continuo di quella legalita’ e giustizia per la quale molte persone in passato, come il giudice Falcone, Borsellino ed altri, hanno dato la vita affinché siano debellati da questa bellissima terra, tutti i soprusi e le ingiustizie che continuano purtroppo, anche se in maniera limitata, ad esistere. A tal proposito, le scrivo per porre alla sua attenzione un fatto tanto serio, quanto doloroso che mi riguarda personalmente e che ritengo invece sia giusto far emergere, poiché sembra che su questa faccenda sia calato il silenzio. Un atteggiamento, questo, tipico e molto diffuso in questa terra, soprattutto quando di mezzo ci sono responsabilità mediche che devono essere a tutti i costi tutelate, nonostante l’evidente colpevolezza! Era il 17.09.2017 quando io e Valentina siamo diventati, per la prima volta, genitori. La nostra gioia, però, è durata solo pochi giorni poiché tale è stata la durata di vita del nostro piccolo “Giovannino”. Un bambino di oltre 4.700 Kg. nato in questo ospedale e deceduto dopo soli quattro giorni dalla nascita per problemi subentrati durante il parto, a causa di “Asfissia neonatale”. Quello che ci auguriamo è che sia fatta vera giustizia non solo divina, ma soprattutto quella terrena. Vorremmo che il nostro leoncino non sia dimenticato e vorremmo trovare un modo per combattere questi assassini che, nascondendosi dietro camici di diverso colore, continuano a commettere delitti restando molte volte impuniti, liberi di mettere le mani su altre donne e bambini, per continuare a sbagliare e continuare ad allungare la lunga lista di decessi, protetti da un forte baronaggio che garantisce loro immunità o lievi colpevolezze! Giovannino Cucinotta è vittima di un caso di malasanità. Con la speranza di una più ampia divulgazione e soprattutto di una “corretta giustizia”. Da un padre ed una madre distrutti dal dolore, Lucio e Vale».

longo@gdmed.it

Giuseppe Longo