UDC programma e candidati. Gestione, Autonomia e priorità ai giovani

0
312

 

Cefalù (Pa) – Continua il tour di presentazione della lista UDC, con il candidato Salvatore Di Carlo in vista della prossima competizione elettorale del cinque novembre. Nella sala conferenza dell’Hotel Riva del Sole di Cefalù il Leader Nazionale Antonio De Poli, Presidente e Commissario Regionale ha presentato il programma ed i candidati. “La storia Democratico Cristiana – ha spiegato il Presidente Nazionale, Senatore Antonio De Poli – si ripropone in Sicilia, sotto l’egida dei valori dello scudo crociato, presentando liste forti. I positivi sondaggi degli ultimi giorni, confermano come il partito di Don Luigi Sturzo, si sia posizionato in uno scenario di alleanze siglate nel solco degli antichi principi, dimostrando il peso determinante di un’azione politica concreta. Oggi, più che mai dobbiamo riprendere il valore dell’Autonomia. La Sicilia ha nel suo statuto le fondamentali prerogative dell’autonomia legislativa e fiscale. E negli ultimi anni si sono registrate carenze specifiche in questa determinante risorsa per la crescita sociale e territoriale. Non possiamo più consentire questi sprechi. Tale obiettivo rientra prioritariamente nel programma per le imminenti elezioni presidenziali e di rinnovo del Parlamento siciliano. Daremo risposte concrete ai giovani che sono costretti a lasciare la loro terra. Dalle ultime stime sono numerosissimi i giovani laureati che hanno abbandonato la loro famiglia per trovare occupazione. A loro daremo risposte concrete. Da ciò conseguirà che l’attuazione di buone pratiche di governo daranno slancio al ricambio generazionale, al miglioramento potenziale dei servizi. Si tratta oramai di una premessa ineludibile per chi andrà a governare. Infatti per garantire il buon governo ci proporremo su materie specifiche e strategiche per l’economia della Sicilia, come l’Agricoltura e la Sanità: due settori insiti nel DNA del nostro partito per proporre azioni legislative incisive con l’obiettivo di formare il nuovo Governo che sia all’altezza dell’aspettative degli elettori”.