Multe ai commercianti per 10.000 euro. Gli interventi della Polizia di Stato

0
429

 

Palermo – Nel fine settimana si è svolto un servizio, disposto dalla Questura di Palermo per contrastare l’abusivismo commerciale, il disturbo della quiete pubblica e delle illiceità connesse alla “movida” palermitana riguardante il quartiere della Vucciria, nello specifico piazza Caracciolo, piazza Garraffello e via limitrofe.

L’attività, coordinata dalla Questura di Palermo, sono state condotte con la collaborazione degli agenti del Reparto Mobile, della Polizia Municipale, della Guardia di Finanza, dell’Arma dei Carabinieri e di personale dell’ASP, del Dipartimento di Prevenzione Veterinario.

Nel dettaglio, il personale impiegato ha controllato sette attività commerciali, tra sede fissa ed ambulante, contestando una lunga serie di violazioni amministrative tra cui: l’occupazione abusiva di suolo pubblico (in un caso) e la relativa segnalazione all’Autorità Giudiziaria per il tiolare dell’attività;

una violazione per mancanza di licenza itinerante con contestuale sequestro di un bancone in metallo e di un tavolo in plastica utilizzato per la vendita di prodotti ittici. Tali alimenti sono stati trovati in cattivo stato di conservazione e, pertanto, posti sotto sequestro, mentre l’ambulante è stato deferito all’Autorità Giudiziaria;

contestata anche una violazione legata alla mancanza di procedure di autocontrollo degli alimenti messi in vendita con contestuale sequestro di 5 kg. di prodotti alimentari.

Al titolare di un esercizio commerciale di Discesa dei Maccheronai sono state contestate numerose violazioni di natura fiscale, nonché la mancata

applicazione di procedure di autocontrollo degli alimenti; nei confronti del medesimo è stata, parimenti, sequestrata l’attrezzatura musicale per 5 giorni con sanzione amministrativa per la violazione della relativa ordinanza Sindacale.

In due pub della zona, il personale in servizio ha riscontrato gravi carenze igienico-sanitarie, motivo per cui ai gestori di detti locali è stato imposto di provvedere ad eliminare le inadeguatezze, ai sensi dell’articolo 54 Reg.CE 582/04.

Nel corso dell’attività sono state identificate 26 persone, di cui 21 con precedenti di polizia.

Durante il tentativo di identificazione di uno di essi, è stato tratto in arresto L.C. 38enne palermitano, per resistenza, minacce e lesioni a Pubblico Ufficiale; l’uomo è stato anche indagato per rifiuto di indicazioni sulla propria identità.

Il totale del valore delle sanzioni amministrative elevate sfiora i quindicimila euro.