Quinta cittadinanza onoraria per Salvatore Sardisco. Premiato un impegno per la vita

0
1096

 

San Cipirello (PA) – Quinta cittadinanza onoraria per Salvatore Sardisco: Premiato un impegno per la vita. «In prima fila la moglie Helga Guardì con accanto tanti amici arrivati da Monreale che seguono da anni l’impegno culturale di Salvatore Sardisco insignito dalla quinta cittadinanza onoraria conferitagli dall’Amministrazione Comunale di San Cipirello. La sala consiliare del Comune già dalle prime ore del pomeriggio del dodici dicembre è gremita di giovani del Parlamento della Legalità Internazionale e Multietnico arrivati da Palermo (dopo aver trascorso una giornata di studi a Erice) proprio per fare corona affettiva al Vice Presidente del Parlamento della Legalità Salvatore Sardisco, uomo di grande semplicità ma ricco di sani principi a favore di una vita dedicata a indicare percorsi culturali di speranza e valori forti sanciti nella nostra Costituzione Italiana. Ci sono tutti: il sindaco Vincenzo Geluso, il presidente del consiglio Comunale Giovanni Randazzo, consiglieri di maggioranza e di opposizione come Giovanni Casamento e Gaspare Scannaliato, e tra la folla anche Cinzia Leone, (Giovanni Casamento e Cinzia Leone insieme a Vincenzo Geluso hanno dato

Sardisco e Mannino
Sardisco e Guardì

vita alla campagna elettorale mesi fa per la candidatura a sindaco) e diversi cittadini.  Emozionato Salvatore Sardisco quando Vanessa, giovane studentessa e ambasciatrice del Parlamento Multietnico dell’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “Francesco Ferrara” di Palermo, appena diciannovenne di origine brasiliana, ha ricordato il suo carattere affabile e amabile specie con i figli Denise e Ciccio, ma ancor più l’amore che lo unisce quotidianamente a un papà meraviglioso “Francesco Sardisco” che sicuramente ogni giorno lo segue con sguardo amorevole dal paradiso. Presidente Comunale e sindaco pronunciano tante volte il nome di Salvatore Sardisco sottolineando come per tanti anni lo stesso ha attenzionato la valle dello Jato e il Comune di San Cipirello nell’organizzare eventi culturali a favore della legalità mobilitando tanti studenti della provincia palermitana a venire nella valle dello Jato, raggiungere il “giardino della memoria” e li posare un fiore un angelo di carta proprio dove ha trovato la morte il piccolo Giuseppe Di Matteo. Tratti di gioia e di commozione quando l’amico di sempre Nicolò Mannino, presidente del Parlamento della Legalità Internazionale ha ringraziato ufficialmente con parole affettuose e fraterne il “suo” vice presidente sottolineando la professionalità e la disponibilità di Salvatore  Sardisco nel condividere un cammino culturale sena “ma” e senza ” se “. Per Salvo, come tutti lo chiamano, oltre la pergamena dell’Amministrazione Comunale firmata dal sindaco Geluso e dal Presidente del Consiglio Randazzo, è arrivata anche quella di Papa Francesco che “Benedice Salvatore Sardisco” e chiede l’effusione di grazie implorate dalla Beata Vergine Maria. Ad applaudire questa cerimonia toccante, semplice, condivisa da maggioranza e opposizione ci hanno pensato loro, i giovani del Parlamento della Legalità Internazionale e Multietnico che al termine hanno precisato “E’ stato bellissimo, non avevamo mai partecipato al conferimento di una cittadinanza onoraria e tornando a casa racconteremo ai nostri genitori la bellezza di questa giornata e come San Cipirello è un bel Comune e che desideriamo ritornare per visitare gli scavi archeologici “. E’ tardi, si riparte ma con tanta gioia e commozione avendo abbracciato Salvatore Sardisco che ormai vive nel cuore di chi crede quotidianamente in una cultura di riscatto e di legalità vera».

longo@gdmed.it

Giuseppe Longo