Architettura: partnership tra Ordine Etneo, Fondazione e Polo Regionale per i siti culturali

0
557

 

Primo passo verso la firma del protocollo d’intesa per la realizzazione di eventi
volti alla promozione internazionale del patrimonio architettonico di Catania

Catania – Un Consiglio straordinario tra le mura di Casa Verga: è stata questa l’occasione speciale che ha sancito la sinergia tra l’Ordine, la Fondazione degli Architetti e il Polo regionale per i siti culturali di Catania. Un incontro che assume un’importanza rilevante se si pensa che il patrimonio storico più noto e amato della città è quello proveniente dall’architettura settecentesca, di cui Giovan Battista Vaccarini fu il massimo protagonista.

Gli Architetti hanno accolto la proposta del Polo regionale e della Direzione di Casa Verga, di collaborare insieme per incrementare sempre più la promozione dei beni architettonici culturali che rendono unica Catania nel panorama turistico.

La stretta di mano tra il presidente dell’Ordine Alessandro Amaro, la dirigente del Polo regionale Maria Costanza Lentini, il direttore di Casa Verga Giovanni Laudani e il dirigente dell’Unità operativa per la valorizzazione e promozione culturale Luigi Messina, anticipa la firma del protocollo d’intesa che i due enti stipuleranno con l’obiettivo di realizzare eventi cittadini volti a puntare l’attenzione sui grandi temi architettonici, tipici della città etnea ma anche di respiro internazionale.

«Accogliamo con piacere e con un senso di responsabilità che ci riempie di orgoglio, l’invito del Polo regionale – ha affermato il presidente Alessandro Amaro, accompagnato dai consiglieri dell’Ordine – è significativo far notare che i dirigenti dell’Ente, ma anche molti funzionari, sono nostri colleghi Architetti. La partnership che stringiamo oggi vede infatti declinata la nostra figura professionale nella sua massima espressione di garante dei beni storici e culturali. La promozione della cultura architettonica di e per Catania, è anche uno strumento incisivo per poter valorizzare le professionalità che operano nella nostra città».