Di Marco:”informazioni non esatte relative all’articolo “Da novembre 30 operai senza stipendio. Alla Soitek, due giorni di sciopero”

0
1067

 

Palermo – Pubblichiamo la replica di Giuseppe Di Marco Project Manager della Soitek srl in riferimento alla notizia pubblicata lunedì sui trenta operai della Soitek senza stipendio:

Buongiorno, da un articolo da voi pubblicato siamo costretti nostro malgrado a replicare, informando della situazione reale di questi lavoratori che adesso sono dipendenti Soitek, considerato che ieri mattina è stato detto al referente del sindacato Fiom la situazione reale e invece sono state pubblicate delle cose non vere.

L’articolo:

http://www.gdmed.it/2018/01/22/da-novembre-30-operai-senza-stipendio-alla-soitek-due-giorni-di-sciopero/

Tra l’altro,  mi dicono i lavoratori che l’incontro fissato oggi dovrà essere centrato sulla situazione SIM che è fallita a fine Novembre 2017,e non su Soitek srl di Agrigento,  ma considerato che questo sindacato continua a basare la conversazione su Soitek, ecco la situazione reale:

Intanto, da come si evince dalla foto che lui stesso ha fatto pubblicare, sono semplicemente 13  lavoratori e non 30 o 18, di cui 3 da ex SIM sono stati assunti a Soitek i primi giorni di Dicembre ricevendo nello stesso mese degli acconti da Soitek prima di Natale e un altro nel mese di Gennaio, in virtù del fatto che provenissero da una situazione SIM di mancanza retribuzione da diversi mesi, in quanto fallita;

5  operai ex Sim , sono stati assunti il 3 e l’8 gennaio, ricevendo un acconto addirittura prima di Natale, quindi prima dell’assunzione, e un altro acconto nel mese di Gennaio 2018, sempre per gli stessi motivi precedenti.

Inoltre, per 5 persone invece risulta ad oggi che dovranno ricevere un piccolo saldo di Novembre e  15 giorni di Dicembre, che in breve tempo saranno saldati.

Quindi come vedete, la situazione con soitek non è così allarmante come vogliono far credere, soprattutto il sindacato, ma in loro c’è la preoccupazione che possano ritrovarsi in futuro nella stessa situazione di sim (si fa  un processo di pensiero e non di fatti come avvenuto con gli acconti), nonostante la soitek di agrigento si sia presa in carico dei dipendenti ex sim e quindi di proseguire il lavoro in essere, sobbarcandosi di problematiche non indifferenti provenienti dalla situazione della sim.

Quando ieri è stata descritta la situazione al referente del Sindacato, che  è stata sopra riportata, invitandolo a preoccuparsi per questi lavoratori nel preparare l’incartamento per iscriversi al passivo della SIM, poiché fra circa 20gg. scadranno i termini,   lo stesso si è sentito offeso.

Inoltre,  si è detto sempre a questo referente Fiom che la SIM non era un subappaltatore della Soitek , ma che era in ATI, cosa che lui ha continuato a ribadire, quindi come vedete se si parla di Soitek, si dicono cose non veritiere.

Penso di essere stato abbastanza chiaro nell’informare della situazione reale e spero che possiate pubblicarla per evitare un danno di immagine e conseguenze gravi nei confronti della stessa e quindi dei lavoratori, considerato che da ieri gli stessi lavoratori sono in sciopero danneggiando solo stessi e la stessa Soitek srl , che in realtà è estranea alle motivazioni indotte”.

Ing. Giuseppe Di Marco

Project Manager