Il “gabinetto d’oro” alla Casa Bianca

0
447

 

Catania – “L’arte ed il potere,ecco l’America per esempio”,così il graffiante Ottavio Cappellani ha voluto titolare (per Sicilian comedi) il pezzo con cui esalta il “sublime gesto artistico” di Nancy Spector,curatrice del museo Guggenheim,che ha offerto lo splendido cesso d’oro di Cattelan, titolato “America”, al posto del “Paesaggio con la neve” di Van Gogh richiesto dal Presidente Trump per esporlo alla Casa Bianca. Cappellani ha colto l’occasione per “graffiare” in un sol colpo lo stesso Trump,il suo elettorato sparso tra i campi e città sperdute,i “nostri” politici e gli artisti e direttori museali “indigeni (siciliani)”..esaltando nel contempo la Spector,eroina della “resistenza” al potere e,specificatamente,a Donald Trump…

Prima di proseguire chiariamo : personalmente considero gli Usa il #GrandeSatana sulla Terra e tutti coloro che ne hanno assunto la presidenza come incarnazione del Capo..conseguentemente tra Kennedy,Nixon,Bush,Clinton,Obama e Trump non trovo sostanziali differenze,sono stati e sono deleteri per l’intero globo !! Ovviamente però,pur essendo demoniaci,si differiscono tra loro per forma,sostanza e “risultati”..e,da buoni esseri terreni,dai fans che riescono ad attrarre e respingere. Torniamo perciò alla notizia vista da un’altra prospettiva (la mia)..:

il Presidente degli Usa (uso le maiuscole per rispetto al lettore,non alle istituzioni od alle persone) chiede,come prassi,un Van Gogh da esporre nella famosa “sala ovale” ma la curatrice del Guggenheim gli mette a disposizione un Cattelan..un cesso (d’oro) al posto di un dipinto (dal valore del platino). Un “sublime gesto artistico” di opposizione al potere ? Direi piuttosto una immensa cafonata,volgare e pure susseguente a precedenti screzi tra la Spector e Trump stesso,beccato pubblicamente da tanta “eroina” prima e dopo la elezione. La signora,infatti,risulta essere una delle più agguerrite rappresentanti dei #talebanidiObama,quelli che,nel morigerato ed esemplare mondo dell’arte,della cultura,dello spettacolo e dello sport strepitano quotidianamente contro il Presidente eletto nella speranza di rovesciarlo o che qualcuno lo ammazzi ! Non mi risulta che la signora in questione (o suoi sodali) abbiano opposto qualche rifiuto od inviato qualcosa di appropriato a Clinton od Obama da esporre nello “studio ovale”..: una scatola aurea con preservativi usati,un bidone di resti umani (sotto vuoto) raccolti dopo un bombardamento per “esportare la democrazia”,lavori magari non pregiati ma sempre “opere d’arte” significative !

Quanto al paragone con i comportamenti nostrani non trovo differenza alcuna..la Sicilia è una colonia americana dal 1943,il servilismo politico è addirittura risalente a millenni di storia..cosa si crede possa insegnare una volgare partigiana,affarista mediatica yankee ai nostri professionisti della politica e del peggio che c’è in giro ?

P.s. però,qualora mi fossi sbagliato e la signora Spector avesse voluto dare un ben più profondo significato al suo gesto,suggerirei di posizionare l’aureo sanitario all’ingresso dell’ Onu a New York..ove tutti gli ambasciatori possano “omaggiare” America come sarebbe auspicabile facesse il mondo intero..

Vincenzo Mannello