Extracomunitario clandestino nascosto in autovettura sulla nave proveniente da Tunisi. Polizia di Stato arresta donna per favoreggiamento

0
382

Palermo – La Polizia di stato ha tratto in arresto una cittadina italiana D.B.T. di 35 anni , residente a Pisa, resasi responsabile del reato di favoreggiamento all’immigrazione clandestina.

Agenti dell’Ufficio di Polizia di Frontiera Marittima di Palermo, nell’ambito di mirati e potenziati servizi di controllo finalizzati alla prevenzione ed al contrasto dell’immigrazione clandestina, sulle navi provenienti da Tunisi, hanno proceduto ai controlli di frontiera nei confronti dei passeggeri della nave “Cruise Bonaria” giunta al porto di Palermo.

Oltre ai rituali controlli documentali, gli Agenti della Polizia di Frontiera, effettuavano accurate ispezioni nei garage ove erano custoditi circa un centinaio di automezzi dei passeggeri.

Proprio questa attività condotta con dovizia e meticolosità, ha permesso di scoprire all’interno di un’autovettura, una Fiat Punto, nascosto nel sedile anteriore, sotto una coperta, un giovane extracomunitario, privo di documenti.

Successivamente, il ragazzo è stato identificato e denunciato per violazione delle norme sull’immigrazione clandestina ed affidato al comandante della nave per essere rimpatriato.

Gli accertamenti esperiti sull’autovettura hanno consentio di risalire ad D.B.T., intestataria della stessa, residente a Pisa.

Alla luce dei fatti la donna veniva arresta per il reato di favoreggiamento all’immigrazione clandestina.

L’ Autorità Giudiziaria oggi, nel convalidare, l’arresto ha condannato la donna a 8 mesi di reclusione ed al pagamento di una multa di €10.000,00.

Con la medesima sentenza veniva disposto il sequestro dell’autovettura.