Audizione in ordine alla problematica del riconoscimento dei diritti previdenziali da esposizione ad amianto

0
531

 

Roma – Nel corso della riunione della VI^ Commissione, Servizi Sociali e Sanitari, convocata con all’ordine del giorno ‘Audizione in ordine alla problematica del riconoscimento dei diritti previdenziali da esposizione ad amianto’, la delegazione dell’Osservatorio Nazionale Amianto, rappresentata dall’On.le Pippo Gianni, promotore della legge regionale siciliana n. 10 del 2014, e componente del Comitato Tecnico Scientifico Nazionale ONA, e Calogero Vicario, coordinatore ONA della città di Siracusa, ha insistito per l’accoglimento delle richieste formulate dall’Avv. Ezio Bonanni nel voluminoso dossier che è stato spedito all’attenzione dei commissari, componenti dell’Assemblea Regionale Siciliana e della Commissione Salute, rappresentata anche dalla Presidente della Commissione, l’On.le Margherita Larocca Ruvolo. Audizione ottenuta anche grazie all’interessamento di Alessandro Aricò, esponente del movimento civico Diventerà Bellissima. L’Avv. Ezio Bonanni, in qualità di legale di C. G., deceduto per mesotelioma in seguito a un ritardo diagnostico per la tardiva istituzione del Centro Regionale Amianto, ha già notificato il primo atto di citazione per richiesta di risarcimento danni a carico della Regione, e così sono stati depositati i primi ricorsi per denunciare il mancato accredito dei benefici amianto ai lavoratori della MA.TE.SI. S.p.A. di Campofelice di Roccella, e si profilano ulteriori azioni giudiziarie, come quella per esempio per il riconoscimento dei benefici amianto agli ex dipendenti del Centro Elettronico dell’ex Banco di Sicilia. In relazione alle richieste presentate dalla delegazione ONA, in qualità di rappresentanza del Presidente dell’ONA, l’Avv. Ezio Bonanni, l’On.le Pippo Gianni ha ribadito la necessità del rifinanziamento del fondo di 21 milioni e mezzo da destinare alla Regione Sicilia, come previsto dalla Legge 10/2014, oltre all’introduzione di un fondo da destinare all’Ospedale “E. Muscatello” di Augusta, per l’immediata istituzione del Centro di riferimento regionale per la cura e la diagnosi, anche precoce, delle patologie derivanti dall’amianto, ai sensi dell’art. 8 della L.R. 10 del 2014, con tutte le necessarie dotazioni, sia tecniche, sia professionali, in riferimento al numero dei lavoratori esposti da amianto in tutta la Sicilia. “Fondamentale l’emissione di atti di indirizzo da parte del Ministro del Lavoro ad integrazione di quelli già emessi, ma che hanno tagliato fuori la Sicilia, e fondamentale il rafforzamento dell’unità operativa di chirurgia toracica del Policlinico di Catania diretta dal Prof. Marcello Migliore” dichiara l’Avv. Ezio Bonanni, presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto.  Il coordinatore ONA Siracusa, Calogero Vicario, ha posto all’attenzione della Commissione l’urgenza di una azione concreta del Presidente della Regione affinché presenti l’atto di indirizzo regionale al Consiglio dei Ministri, da questi da inoltrare all’INAIL per garantire a tutti i lavoratori del settore del petrolchimico e delle centrali elettriche esposti all’amianto i benefici contributivi per esposizione ad amianto, ai fini del prepensionamento e/o della rivalutazione delle prestazioni pensionistiche per i lavoratori siciliani esposti ad amianto.  La disamina precisa dei due delegati ONA ha convinto la Commissione, presieduta dall’On.le Larocca Ruvolo, a rinnovare l’audizione la prossima settimana convocando l’Assessore all’Economia della Regione Sicilia, Gaetano Armao, il Presidente della Protezione Civile Sicilia, e l’Assessore alla Sanità della Regione, Ruggero Razza, per risolvere il problema amianto e i benefici contributivi amianto, in ossequio alla Legge Regionale n.10 del 2014. “Sono stato molto colpito dall’attenzione dell’On.le Larocca Ruvolo che ha accolto tutte le nostre richieste e alla quale va la mia gratitudine”, afferma Calogero Vicario, coordinatore ONA Siracusa.  “Ritengo che questo sia un incontro positivo perché chiamerà finalmente al tavolo i dirigenti delle Inps Regionali che, solitamente, fanno orecchie da mercanti”, dichiara Fedele Incandela, ex operaio del settore tessile e coordinatore ONA Campofelice di Roccella. Esprime ottimismo anche Giovanni Giattino, coordinatore ONA Città di Palermo e rappresentate dei 150 dipendenti dell’ex centro elettronico del Banco di Sicilia, che hanno unanimemente aderito all’Osservatorio Nazionale Amianto.