Controlli dei Carabinieri nei centri scommesse, scattano denunce e sequestri

0
510

 

Palermo – E’ il risultato di una serie di servizi finalizzati a garantire il rispetto delle norme a tutela del gioco lecito e responsabile disposti dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Palermo, ed effettuati con gli ispettori dell’A.A.M.S.

Il primo controllo in ordine temporale, è stato effettuato dai militari della Stazione di Palermo Uditore, che supportati da quelli di San Filippo Neri e Falde, hanno scoperto che in un internet point in zona Uditore, il titolare L.B.R. palermitano classe 1970, raccoglieva scommesse senza avere la prevista licenza. L’attrezzatura è stata sequestrata ed il titolare deferito in stato di libertà per esercizio abusivo di attività di gioco o scommessa.

Nel secondo caso, gli uomini delle Stazioni Carabinieri di Falde ed Uditore, hanno deferito in stato di libertà, F.l. palermitano classe 1974 per omessa esposizione della tabella dei giochi proibiti. La sala giochi zona via Pitré, era gestita senza autorizzazione ed in maniera illegale, raccogliendo puntate su bookmaker proibito. Il locale è stato sottoposto a sequestro. Sono state contestate inoltre violazioni amministrative per: assenza di materiale informativo sul rischio di dipendenza dai giochi con vincita in denaro (€ 50.000), raccolta scommesse per eventi non compresi nel palinsesto (€ 16.666) e altri illeciti di settore, in fase di calcolo e verifica.

A Terrasini i Carabinieri della Stazione a seguito dell’accesso presso un esercizio commerciale in via Vittorio Emanuele, hanno deferito in stato di libertà C.v. palermitana classe 1985, in qualità di titolare e A.n. palermitano classe 1956, quale dipendente, perché svolgevano attività di raccolta scommesse all’interno dell’esercizio commerciale, eseguite attraverso siti europei non autorizzati, in totale assenza di autorizzazioni (art.4 L.401/89 e 88 TULPS) con il sequestro dei locali e dei macchinari.

Infine a Ficarazzi, i militari della locale Stazione hanno deferito in stato di libertà S.S.  nato negli U.S.A., classe 19 72, titolare di un centro scommesse piazza Sant’Atanasio per: esercizio abusivo di attività di gioco o scommessa in assenza dell’autorizzazione (art.4 L.401/89 e 88 TULPS), ai sensi dell’art. 7  comma 8° d. l. 158/2012  (accesso a minori in sale dedicate alla raccolta di scommesse). art. 1 comma 644 lett. H L. 190/2104 (raccolta scommesse non inserite nel palinsesto). Contestate violazioni amministrative da: € 6.666,67 per

presenza di minori all’interno di sala dedicata alla raccolta di scommesse su eventi sportivi, ippici e non sportivi e € 16.666 per raccolta scommesse per eventi non compresi nel palinsesto. Anche in questo caso, il locale e le apparecchiature sono state sottoposte a sequestro.