La Polizia di stato ha tratto in arresto un giovane che doveva espiare una condanna definitiva

0
266

Palermo – La Polizia di Stato ha tratto in arresto il 19enne Ivan Ambrogio, eseguendo un provvedimento di revoca di decreto di sospensione di ordine di esecuzione per la carcerazione e ripristino dell’ordine medesimo, dovendo lo stesso espiare una condanna a 9 mesi di reclusione.

L’arresto e l’esecuzione del provvedimento sono maturati nel corso di un controllo effettuato da personale dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico nel quartiere di Bonagia, precisamente in via del Bassotto.

A seguito di consultazione dei propri terminali, a carico del 19enne è emerso il provvedimento in questione.

Gli agenti hanno ritenuto di effettuare una perquisizione che ha consentito di rinvenire addosso al giovane anche una banconota palesemente contraffatta.

Ancor più consistenti gli esiti della perquisizione estesa al domicilio del giovane che ha fatto rinvenire 5 coltelli, un tirapugni in ferro ed un cellulare con annessa scheda telefonica della cui provenienza, A.I., non ha saputo fornire spiegazioni.

Il giovane è stato associato presso la locale Casa Circondariale, in stato di arresto.