Da tutta Italia a Monreale per dire sì alla legalità credibile

0
1825

Monreale (PA) – Da tutta Italia a Monreale per dire sì alla legalità credibile. «Un autentico fiume in piena ha invaso il centro di Monreale per far udire e assaporare quel fresco profumo di libertà che si oppone a ogni puzzo di compromesso che non porta ossigeno ai polmoni degli onesti. Un evento che si è fatto storia, immortalato da diversi cellulari di passanti incuriositi da tanti giovani che parlavano il comasco, il napoletano e il siciliano. Stiamo descrivendo un pomeriggio di pura primavera a Monreale, una convocazione voluta dal monrealese doc Salvatore Sardisco, il quale non perde occasione per portare giovani e adulti nella “sua” splendida città arabo-normanna per farne ammirare bellezza e parlare al positivo di questo centro, dove ha sede la presidenza del Parlamento della Legalità Internazionale. Per un pomeriggio la città arabo-normanna di Monreale è stata a pieno titolo “Capitale della Cultura della Vita”. Ad abbracciare i tanti studenti arrivati da Como, Napoli, Palermo e paesi della provincia ci hanno pensato Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco, rispettivamente presidente e vice presidente del Parlamento della Legalità Internazionale per riflettere sul tema “IO AGISCO PER LA VITA”. Presente anche l’Associazione Nazionale Carabinieri sezione di Monreale. Il raduno a Monreale è stato voluto per iniziare a coordinare la grande festa che si celebrerà nella tre giorni dal 21 al 23 maggio quando anche altri studenti di altre città d’Italia, pagando tutto di persona, saranno a Monreale per festeggiare il primo anno di apertura della sede di presidenza del Parlamento della Legalità Internazionale. Dopo un pomeriggio di riflessioni, canti, e amicizia, il tutto si è concluso presso “Il Giardino degli aranci” per un momento di fraternità. “Monreale merita di essere sempre più conosciuta, apprezzata e amata per la sua gente, la cultura e quanto di bello possiede. Il nostro movimento culturale – dice Salvatore Sardisco, monrealese puro sangue – da sempre sponsorizza questa città al positivo e con grande entusiasmo”. I giovani del Nord, centro Sud – Sicilia, hanno cantato, riflettuto sul valore della legalità e della vita e hanno vissuto forti momenti di familiarità e di gioia. “Noi crediamo in questo progetto del Parlamento della Legalità Internazionale – hanno detto quasi in coro – e siccome vogliamo un mondo più vero, dove nessuno inquini i nostri sogni e giochi sulla nostra pelle, eccoci tutti qui nella sede di presidenza del nostro Parlamento della Legalità per dire che le nostre non sono chiacchiere ma fatti e che solo i fatti rendono credibili l’agire dell’uomo libero”. A conclusione dell’incontro gli studenti hanno avuto modo di sentire l’appello alla legalità proposto dal figlio del grande artista Pippo Madè, Rosario Lo Cicero Madè, il quale ha omaggiato alle scuole presenti la litografia firmata proprio da Pippo Madè raffigurante il beato Padre Pino Puglisi. Chiaro il commento di Nicolò Mannino, Presidente del Parlamento della Legalità Internazionale: “Molti parlano ai giovani per udire se stessi. Noi abbiamo i giovani che fanno chilometri e chilometri per parlare in coro a favore di quei grandi ideali che se vissuti coerentemente bene cambiano la vita”. “Salvatore Sardisco precisa”. Non è scontato in un pomeriggio di primavera avere tanti giovani arrivati da diverse città d’Italia che, a proprie spese si mettono in gioco per non dimenticare il sacrificio di tanti come il Capitano Basile, il Capitano D’Aleo che proprio a Monreale hanno siglato con la vita una pagina di riscatto. Tutto ciò – conclude Salvatore Sardisco – deve far riflettere chi ama questa città, questo Paese. A risvegliare le coscienze dal tepore dell’indifferenza e dare il meglio di sé per guardare negli occhi i propri figli e giurare loro che lascerà un mondo meglio di come l’ha trovato”. Questi sono fatti, e dinnanzi all’evidenza non si mente. La credibilità del Parlamento della Legalità Internazionale si documenta con eventi e non con parole».

longo@gdmed.it

Giuseppe Longo