Territorio sotto controllo per il 25 aprile e primo maggio da Polizia municipale e di Stato

0
332

 

Palermo – Anche nelle giornate del 25 aprile e del 1 maggio, così come successo per le festività pasquali, continua la proficua sinergia operativa tra la Polizia di Stato e la Polizia Municipale di Palermo.

Alla luce del previsto incremento in tali giornate dei flussi di traffico che avrebbe interessato la viabilità del territorio provinciale e urbano, ci si è impegnati con servizi mirati sul fronte della sicurezza stradale e della prevenzione di fenomeni di incidentalità.

In particolare, il 25 aprile, la Sezione Polizia Stradale e la Polizia Municipale di Palermo hanno messo in atto una serie di dispositivi di controllo congiunti svolti nel centro urbano e nelle principali arterie viarie caratterizzate da alta densità di traffico, con lo scopo di garantire a tutti gli utenti della strada una serena e sicura viabilità.

Nello specifico, l’impiego dell’ultimo dispositivo mobile di controllo della velocità in dotazione alla Polizia Stradale (Telelaser TRUCAM), ha consentito la rilevazione del superamento dei limiti di velocità di 21 veicoli ed il ritiro di 10 patenti, a seguito di contestazione immediata. Detti controlli hanno interessato anche altri comportamenti scorretti alla guida dei veicoli come il mancato uso delle cinture di sicurezza, distrazione a causa di uso di dispositivi radiotelefoni e guida in stato di ebbrezza alcolica e sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

Complessivamente 40 le persone controllate e 30 infrazioni accertate.

La presenza congiunta di Polizia Stradale e Polizia Municipale, nonché l’utilizzo dinamico della postazione di Sala Operativa Mobile (SOM), ha consentito oltre a ciò, la verifica sulle regolari coperture assicurative e di revisione (nr. 4 le contestazioni) e, in generale, la rigorosa attuazione di controlli ai veicoli impiegati per il trasporto collettivo di persone, adottati per i collegamenti di linea o nei trasporti turistici.

I recenti dati dei primi mesi del 2018 hanno evidenziato, sul territorio nazionale, un aumento dell’incidentalità complessiva del 6.4%. Il fenomeno ha evidenziato un ripetuto coinvolgimento in sinistri con esito mortale di motoveicoli, legati anche ai fattori di rischio di maggior frequenza, come l’eccesso di velocità e la distrazione.

Analoghi dispositivi di controllo verranno attuati anche il prossimo 1° maggio.