Gianluca Caltanissetta un giornalista che sa di verità

0
3165

 

Palermo – Gianluca Caltanissetta un giornalista che sa di verità. «Scrivere di un giornalista non è facile specie se il faro si accende per un secondo su un giovane trentaseienne laureato in Scienze delle Comunicazione, indirizzo giornalismo con un sogno nel cassetto che è quello di divenire uno “Scrittore” (con la S maiuscola) che sa di verità e di catapultare nei fogli di un testo quell’insostenibile leggerezza del vero dove neanche la foto più limpida riesce a immortalare quell’attimo di verità che sta racchiusa nel silenzio dell’anima. Stiamo parlando del “grande” Gianluca Caltanissetta, collaboratore di Live Sicilia e che scrive per “I love Sicilia” un mensile che dà voce a quanto di bello e di attuale si verifica in questa nostra bella terra di Sicilia, e non solo. Gianluca è un giovane papà, discreto, professionalmente valido e molto riservato anche nel condurre interviste “particolari” con argomenti delicati che vanno dall’antimafia all’evento di cronaca che porta in sé tutta la drammaticità del momento. Solare e garbato, riesce sempre a dialogare con chi ha una storia da snocciolare e il suo “essere” giornalista lo propone con quella garbata disinvoltura che non guasta quando dinnanzi a fatti e storie che narrano la bellezza di un testo di vita che va oltre la retorica e il “dire per non dire”.  Non ci sono dubbi: scrivere di Gianluca è un dovere, un mettere nero su bianco a favore di un giornalismo che non si inchina e non si svende alla notizia di mercato, bensì racconta quel silenzio che avvolge eventi che la società spesso non sa udire poiché “non tutte le verità arrivano a tutte le orecchie”. Gianluca Caltanissetta va gratificato non solo perché è un “onesto e valido giornalista” bensì perché è un grande “Uomo di cultura” che sa leggere la storia e da essa evidenziare tutte quelle note e punteggiature che danno vita a periodi di “autenticità” dove il cronista di mestiere non riesce ad arrivare perché affascinato dal suo “ego” e da una carriera uccisa nei suoi sogni venduti a prezzi di fine stagione. Gianluca Caltanissetta è una “penna pulita”, un autentico figlio di questa terra di Sicilia che sa di essere “bellissima” e che non ama schiaffeggiare in faccia al lettore, distratto e avvolto dall’indifferenza del “non mi interessa”, ciò che di negativo può annidarsi dietro le pagine di una giornata di vita. No, Gianluca è quel giovane che sa, di essere vero e non lo svende a nessun “Mercante”, ama la verità e la custodisce fra le righe della sua agenda, conosce le storie della gente e prima di pubblicarle le filtra tra le emozioni celate e la notizia che va fatta comprendere senza dirla. E’ un giovane che ama leggere e poi scrivere, che ascolta attentamente e non invade la vita dell’altro, discreto e schivo alle etichette, umile ma solare, professionalmente ineccepibile e fortemente convinto delle sue idee perché frutto di silenzi e meditazioni che lo rendono un autentico “Uomo di cultura” con l’occhio puntato a divenire uno scrittore che farà parlare di sé sul territorio nazionale e non solo. A lui va tutta la stima e l’ammirazione del Parlamento della Legalità Internazionale che presto lo vedrà far parte di questa grande famiglia culturale dove i sogni sono realtà certi che solo chi ha il buono nel cuore e la solarità nell’anima ha diritto di parola. E Gianluca è uno di questi perché professionale, bravo e solare nel suo “DNA”». (Nicolò Mannino, Presidente del Parlamento della Legalità Internazionale)

longo@gdmed.it

Giuseppe Longo