Chiusura Casa Internazionale delle donne Roma

0
312
Il gruppo di Sinistra Comune. Da sx:Katia Orlando, Marcello Susinno, Barbara Evola, Giusto Catania

 

Gravissimo l’attacco della sindaca Raggi e del M5S ai luoghi delle donne, agli spazi di democrazia e libertà di tutte”

Palermo – “Consideriamo la chiusura della Casa Internazionale delle donne di Roma un gravissimo attacco, lanciato dalla sindaca Raggi e dalla consigliera Guerrini, ai luoghi delle donne, agli spazi di cultura, democrazia e libertà. La Casa rappresenta una delle poche realtà in grado di offrire alle donne vittime di violenza il supporto per trovare la forza di cambiare il corso della propria vita e quella delle loro figlie e dei loro figli. Per 35 anni la struttura ha offerto gratuitamente servizi alla cittadinanza ed alle donne, a partire dalle vittime di violenza. Tuttavia il valore economico, sociale e politico delle attività svolte viene ignorato dalla sindaca Raggi e cancellato con un colpo di spugna dalla mozione, che vede come prima firmataria la consigliera del M5S Gemma Guerrini. Nel documento si chiede  che il Buon Pastore (la Casa) venga “riallineato alle nuove esigenze della città” per essere trasformato in un centro di coordinamento di servizi gestito da Roma Capitale, con i relativi servizi messi a bando. E’ evidente a questo punto che la motivazione non è il debito accumulato verso l’Amministrazione comunale,  bensì la volontà di negare l’importanza politica e culturale del femminismo e del lavoro delle donne per altre donne.
Sinistra Comune auspica che la riapertura del tavolo della trattativa, inspiegabilmente sospeso da 4 mesi, porti ad una soluzione che tenga conto della peculiarità e del valore sociale dei servizi offerti dalla Casa. Chiediamo a tutte le forze democratiche di mobilitarsi per fermare questa ignobile azione che mira a cancellare un pezzo fondamentale della storia delle donne e del femminismo italiano.”