Monreale capitale di libertà: Sardisco “più di mille per cantare la vita”

0
1012

Monreale (PA) – Monreale capitale di libertà: Sardisco “più di mille per cantare la vita”. «Piazza Duomo di Monreale è un tappeto di studenti arrivati da un liceo scientifico di Parigi, da Verona, dalla Campania, Basilicata e dalla Sicilia tutta. Monreale è in festa e grazie al Parlamento della Legalità Internazionale la lezione di vita è arrivata al cuore di tanti: educare alla legalità deve essere entusiasmante, un metodo gioioso per contrapporsi alla subcultura dell’odio, del rancore e della vendetta. Il Parlamento della Legalità Internazionale ha un vanto che tutta la nazione (e da alcune mesi anche Dubai, Londra e prossimamente Lugano) gli riconosce: proporre ai giovani un entusiasmante cammino culturale mettendo in risalto il proprio talento naturale per essere artefici e protagonisti di un mondo a colori. A firmare questa certezza Nicolò Mannino, Salvatore Sardisco rispettivamente presidente e vice presidente del movimento che vede l’abbraccio di Mons. Michele Pennisi, Arcivescovo di Monreale e guida spirituale del Parlamento della Legalità realmente “internazionale” visto che a Londra e Lugano (Svizzera italiana) è tutto pronto per dar vita a una ambasciata di questo meraviglioso gruppo che ha tanti collaboratori culturali regionali a partire dalla Toscana sino in Sicilia. Ma ritorniamo a Monreale: la prima scuola ad arrivare e piazzare i suoi strumenti sul palco di fronte quella splendida cattedrale d’oro è l’Istituto Comprensivo “Antonio Veneziano”, coordinato dalla grande e brava dirigente scolastica Beatrice Moneti che da subito ha accolto nella “sua” scuola il Parlamento della Legalità Internazionale dove oggi esiste l’Ambasciata dell’Armonia. E poi arriva il momento dei bravi studenti dell’Istituto Comprensivo “Luigi Pirandello” di Cerda con la coordinatrice Maria Matassa sempre presente, con umiltà e professionalità, a fianco di Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco. Applauditi i piccoli della “Ciro Scianna” di Bagheria guidati dalla professoressa Clementina Castrone referente anch’essa del Parlamento della Legalità Internazionale e poi ecco arrivare i baby sindaci di tutta Italia coordinato dal già dirigente scolastico Giuseppe Adernò. Protagonisti indiscussi i circa centotrenta studenti dell’Istituto Comprensivo “Giordano Bruno”, arrivati da Nola (NA) capitanati da uno staff di dieci docenti sotto lo sguardo prezioso e incoraggiante del Preside, Maria Iervolino. Ma vi sono anche i genitori con la coordinatrice culturale del Parlamento della Legalità Internazionale della Campania, la brava Floriana Nappi, docente e giornalista che dà sempre il meglio di sé in questa regione provata dalla camorra e dove lei riesce a dare il massimo nel mondo scuola per dire che la cultura della vita ha diritto di parola. Ma vi sono tante scuole, tantissime qui abbiamo citato solo quelle che hanno afferrato uno strumento musicale e hanno suonato e cantato la vera legalità.  L’elenco dei partecipanti è lungo ma una sola è la certezza: “Senza fondi, tutto fatto con sacrifici e collaborazione, si riesce ugualmente a dare vita a una “Tre giorni” con ospiti di eccezione come il Dirigente Generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri Antonio Sabbatella, il Direttore Generale della Banca Monte Pruno (presente in Campania, Basilicata, Puglia) e seconda in Sicilia, Pino Nazio Giornalista Rai, il Senatore Arnaldo Lomuti componente della Commissione Giustizia del Senato, l’Assessore regionale alla Pubblica Istruzione e Formazione Roberto Lagalla e tanti ancora. “Il mio grazie va a tutti, dal bambino della scuola materna al giovane del liceo – dice Nicolò Mannino – ma il grazie più grande e affettuoso al mio e nostro vice presidente Salvatore Sardisco che ha proposto Monreale per far conoscere il grande e indiscusso amore che tanti studenti da Milano a Messina hanno verso il Parlamento della Legalità Internazionale e in questa splendida città arabo-normanna hanno trovato accoglienza e quella nota di gioia per essere un cuor solo e un’anima sola”. Nicolò Mannino indirizza un grazie di cuore al giovane Vincenzo Russo (collaboratore di Presidenza per le politiche giovanili) che ha collaborato con costanza e tanta professionalità alla riuscita della manifestazione. Presenti alla manifestazione anche i giovani studenti dell’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “Francesco Ferrara” di Palermo, del Parlamento della Legalità Internazionale e Multietnico. Felice e soddisfatto Salvatore Sardisco “Ho visto la mia città di Monreale in festa: la festa dei colori, dei piccoli, di chi ha nel cuore il sole della semplicità e la spontaneità dell’Amore. Monreale ha registrato una singolare bellezza scritta sul volto di centinaia e centinaia di studenti, docenti e dirigenti scolastici che credono nell’alba della legalità e nel divenire insieme un esercito di Ambasciatori di una vera cultura di riscatti”. La gioia di questa “Tre giorni” 21, 22, 23 maggio è viva e difficilmente si potrà dimenticare. Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco indirizzano un messaggio di gratitudine a don Antonio Crupi e alla Corale Polifonica “Pontis Mariae” di Partinico che hanno chiuso la “Tre giorni” con un concerto mariano dedicato proprio a “Maria Stella del Mattino” che ha preso corpo e note nella splendida Chiesa dedicata a San Castrense sita di fronte la sede del Parlamento della Legalità Internazionale».

longo@gdmed.it

Giuseppe Longo