Verona abbraccia il Parlamento della Legalità Internazionale

0
1194

 

Verona – Verona abbraccia il Parlamento della Legalità Internazionale. «“Desidero esprimere affetto, gratitudine e stima al Sindaco Federico Sboarina e all’Assessore Anticorruzione, Trasparenza, Edi Maria Neri per l’accoglienza manifestata e per la grande disponibilità nel dare voce al nostro movimento culturale che propone il rispetto dei grandi valori della vita richiamando l’esortazione di San Giovanni Paolo II e al pensiero di Paolo Borsellino raccolto nelle schede consegnatemi quel diciotto marzo millenovecentoottantanove”. Chi parla è Nicolò Mannino, fondatore e presidente del Parlamento della Legalità Internazionale, movimento culturale nato a Palermo dopo le stragi del 1992 e che ha visto il magistrato Antonino  Caponnetto (coordinatore del pool antimafia al quale aderirono Giovanni Falcone e Paolo Borsellino) accettare la nomina di Presidente Onorario. Un abbraccio cordiale, familiare e ricco di apprezzamento quello tra Nicolò Mannino e il Sindaco di Verona Federico Sboarina verso il quale Mannino esprime gratitudine per l’accoglienza riservatagli coronata con la consegna della litografia che raffigura il sorriso di due grandi uomini divenuti eroi: Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Il Sindaco Sboarina ha accolto Nicolò Mannino in modo ufficiale nella sua stanza a due passi dalla splendida Arena e tra i due si è subito consolidato un rapporto amichevole, disinteressato, di ammirazione reciproca e di profonda stima. A dare vita a una mattinata di dialogo, programmazione e confronto tra il sindaco di Verona e il Presidente del Parlamento della Legalità Internazionale ci ha pensato l’Assessore Edi Maria Neri, che già da tempo conosce il movimento di Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco e da grande donna di fede e di studi di giurisprudenza ha da subito abbracciato gli ideali di fratellanza, solidarietà, amore alla vita, sostegno ai più deboli e poveri, che il Parlamento della Legalità Internazionale porta avanti nel silenzio e nella discrezione più assoluta. “Non trovo le parole – dice Nicolò Mannino – per ringraziare di cuore Edi Maria Neri una singolare e meravigliosa figura di riferimento per l’agire culturale a favore dei grandi valori della vita”. In questo clima di grande ammirazione e di collaborazione in queste ore prende corpo una importante iniziativa culturale che vede Verona abbracciare con ammirazione il Parlamento della Legalità Internazionale: in vista del XXVI anniversario della strage di via D’Amelio dove morirono per mano mafiosa Paolo Borsellino con i suoi “angeli custodi” Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli e Claudio Traina. Il Sindaco e l’Assessore alla Trasparenza e Anticorruzione firmeranno il protocollo di intesa culturale con il Parlamento della Legalità Internazionale. Una firma che richiama quella del giudice Caponnetto quando accettò la nomina di Presidente Onorario, come quella del Capo dello Stato Sergio Mattarella messa sul tricolore e consegnata a Nicolò Mannino in occasione dell’inaugurazione dell’Anno Scolastico a Sondrio. Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco saranno a Verona il prossimo 18 luglio, vigilia dell’anniversario della strage di via d’Amelio per un abbraccio con la città di Verona nella persona del Sindaco Sboarina e dell’Assessore Neri che in queste ore sta curando con zelo e professionalità il tutto. “Siamo fieri di questo abbraccio e sono certo avendo conosciuto la bella persona del Sindaco Sboarina e dell’Assessore Neri che a Verona possiamo fare tanto portando studenti e giovani da diverse città d’Italia”. Non è esclusa una manifestazione culturale “giovane” all’Arena di Verona a firma del Sindaco e del Parlamento della Legalità Internazionale». 

Ph copertina:Edi Maria Neri e Mannino

da sx: Federico Sboarina e Mannino

longo@gdmed.it

Giuseppe Longo