Vertenza Lear Corporation e indotto su mancato rinnovo Cig

0
267
Il sindaco Francesco Giunta

Il sindaco di Termini Imerese incontra a Roma l’onorevole Debora Serracchiani 

Sarà proposto un apposito emendamento alla norma che non consente la copertura degli ammortizzatori sociali a tutti i lavoratori 

Termini Imerese (Pa) – Lo scorso 13 giugno, Francesco Giunta, sindaco di Termini Imerese, i rappresentanti sindacali di Fiom, Roberto Mastrosimone e di Uilm, Vincenzo Comella, hanno incontrato gli onorevoli Carmelo Miceli e Debora Serracchiani, componente commissione lavoro, al fine di rappresentare la problematica relativa ai circa venti lavoratori dell’ex indotto Fiat che per sole ventiquattro ore (hanno concluso il loro rapporto di lavoro il 31.12.2016 a differenza dei colleghi 01.01.2017), si sono ritrovati senza alcun ammortizzatore sociale che possa accompagnarli, in questa lunga fase di crisi economica, fino alla completa ed auspicata ricollocazione degli stessi.

In particolare, nel corso dell’incontro, tenutosi presso la Camera dei Deputati, si è cercato di individuare una soluzione legislativa, che possa essere condivisa da tutte le forze politiche, siano esse di maggioranza che di minoranza, che superi l’empasse nella quale, ad oggi, si trovano “incastrati” questi lavoratori.

Gli esponenti del Partito Democratico hanno assicurato la piena disponibilità a farsi promotori di apposito emendamento alla norma che non consente la copertura degli ammortizzatori sociali a tutti i lavoratori. Su proposta dei sindacati e del sindaco Giunta, gli onorevoli Miceli e Serracchiani si sono presi carico di predisporre e presentare un disegno di legge di che preveda la proroga temporale per tutto il 2019 delle “aree di crisi complessa”, strumento fondamentale per garantire, con maggiore efficacia, i lavoratori e le imprese.

A margine del tavolo, dopo essersi trattenuto con l’onorevole Miceli per fare il punto su altre possibili iniziative legislative a tutela della città di Termini Imerese, il sindaco ha rilasciato la seguente dichiarazione: “E’ importante vedere che, quando ci si occupa di drammi occupazionali come quello di Termini Imerese, ci sono soggetti che, nell’interesse della collettività, riescono a muoversi all’unisono superando le diverse posizioni politiche. Abbiamo il dovere di continuare a dare speranza a chi la speranza la sta perdendo”.

Queste, invece, le parole dell’onorevole Miceli: “La sorte dei lavoratori di Termini Imerese viene prima delle appartenenze politiche e la proficua collaborazione avviata con il sindaco Giunta ne è una importante conferma. Per quanto mi riguarda, ogni volta che la città avrà bisogno sarò disponibile e presente”.