Presidio solidale al processo Cucchi-Bis

0
476
Ph dell’Associazione Stefano Cucchi Onlus


La Pelle di Stefano è la pelle di tutti noi.
Tribunale Penale di Roma, Piazzale Clodio

Roma – E’ in corso di svolgimento, mentre pubblichiamo questa notizia, il presidio solidale per dare giustizia a Stefano Cucchi.

9 anni fa moriva Stefano Cucchi. Da allora, la verità su quei maledetti sette giorni ancora non è emersa. Dopo un primo lungo processo, conclusosi con un nulla di fatto e l’assoluzione degli appartenenti alla polizia penitenziaria e dei medici indagati, un nuovo procedimento penale, denominato Cucchi-bis, sta cercando di fare luce sugli elementi, vecchi e nuovi, mai o non del tutto analizzati.
Cinque Carabinieri, gli stessi che incontrarono Stefano quella notte, si trovano oggi ad essere indagati. Dopo la prima parte di udienze, in cui si è svolto l’esame dei testimoni dell’accusa, oggi, le deposizioni dei testimoni, chiamati dalla difesa dei cinque Carabinieri indagati. Un momento fondamentale per il futuro di questa storia si sta svolgendo, pertanto, tra le mura del Tribunale Penale di Piazzale Clodio.
Il pratone della Sapienza, gremito in maniera irraccontabile, ha sancito una presa di posizione di questa città: le vicende di Stefano non sono esclusivamente un fatto di cronaca e una città umana e solidale si è stretta nella commozione e nella rabbia guardando il film “Sulla mia pelle”, che tanto ha fatto arrabbiare i sindacati di polizia.

Ma non ci fermiamo qui, quella spinta popolare della proiezione del 14 Settembre va riportata nelle piazze per mostrare la vicinanza alla famiglia di Stefano, che nonostante gli innumerevoli attacchi, combatte ancora con le unghie e con i denti.
Perché siamo stanchi degli abusi di chi indossa una divisa.
Perché ne abbiamo abbastanza di una parte di magistratura silente e complice.
Perché la pelle di Stefano, in fin dei conti, è la pelle di tutti noi.

Oggi a Piazzale Clodio.
Per Stefano e per tutti coloro che non sono stati raccontati.
Esserci, ora più che mai.

Sapienza Clandestina
ACAD Associazione Contro gli Abusi in Divisa – Onlus
Alterego – Fabbrica dei diritti