Digita “Gerusalemme” e troverai una “fake

0
441

 

Catania – Già,proprio Google,in testa agli “sforzi” delle sovranazionali dell’universo internettiano nella “guerra alle false informazioni”,ti propina la più falsa e tendenziosa di tutte riguardo la geopolitica dei nostri giorni : Gerusalemme  “capitale di Israele”!

Digitare per credere..la società,con proprietà fortemente legata a Tel Aviv ed alla componente ebraica statunitense per nascita dei soci e legami finanziari (donazioni comprese),è tra quelle che tuonano spesso e volentieri contro “l’antisemitismo dilagante” nel web e si impegna nella “lotta al terrorismo mediante il blocco di siti e notizie riconducibili allo jihadismo”.

Ovviamente con la ottica prevalentemente di Nethanyau e sodali israeliani e non..visto che,non avendo alcun controllo sui propri controllori,Google fa scomparire dalla ricerca sul web qualunque cosa voglia e presenta come “realtà” ogni spudorata menzogna,spacciandola per vera…

“Gerusalemme,capitale di israele” è tale..basta consultare persino Wikipedia (altro “mostro” telematico,guardacaso riconducibile alle stesse “ascendenze”) per avere la controprova:

“La parte orientale di Gerusalemme è stata occupata dallo Stato di Israele nel 1967, e nel 1980 il parlamento israeliano approvò una legge fondamentale (l’equivalente di un emendamento costituzionale) che proclamava unilateralmente “Gerusalemme, unita e indivisa […]”. Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite nella risoluzione 478 ha definito la legge nulla e priva di validità, una violazione del diritto internazionale e un serio ostacolo al raggiungimento della pace in Medio Oriente”.

Chiaramente non sono solo io,misero mortale che cerca di tenersi informato e (contro)informare gli altri, a denunciare questa sconcezza attuata da chi fa la morale agli utenti (vendendone per giunta i dati) ma ritengo mio diritto/dovere appellarmi alla stampa libera che voglia riprendere quanto sopra e con la speranza di non finire indagato per “antisemitismo” !

Vincenzo Mannello