La Regione Sicilia antesignana nella regolamentazione della figura dell’Operatore Tecnico Subacqueo

0
406

 

Palermo – É stato approvato, con decreto dell’Assessorato Regionale alla formazione professionale, n. 3826 del 3 settembre 2018, il profilo dell’Operatore Tecnico Subacqueo con la relativa scheda corso e il suo inserimento nel repertorio delle qualificazioni della Regione Siciliana.

Il profilo e la relativa scheda corso, come riporta il decreto assessoriale, sono stati condivisi con la Capitaneria di Porto di Palermo e saranno pubblicati sulla prossima GURS (Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana).

Il profillo dell’Operatore Tecnico Subacqueo fa riferimento alle professioni NUP/ISTAT come “Sommozzatori e lavoratori subacquei” e coinvolge diverse attività ATECO, come per esempio la riparazione e la manutenzione di macchinari, navi, imbarcazioni ecc., rientra nell’area professionale della metalmeccanica “Meccanica impianti e costruzioni” nella sottoarea professionale “Meccanica, produzione e manutenzione di macchine, impiantistica”

L’OTS, approvato dalla Regione Sicilia, rispecchia esattamente il Decreto Ministeriale del 13.01.1979 e l’articolo 4.1 della legge regionale 07/2016, perché viene definito come un operatore addetto ai servizi portuali, in grado di effettuare immersioni ed emersioni in sicurezza per realizzare rilevazioni, lavorazioni di costruzione e manutenzione subacquea, con interventi dalla superficie. L’OTS, in ambito portuale, può svolgere attività per la gestione e la manutenzione di impianti sottomarini, riprese video, effettuare costruzioni, rilevazioni topografiche subacquee, tagli e demolizioni di strutture metalliche, installazione e manutenzione di tubazioni, condotte e cavi, saldature e taglio elettrico, carenaggi, montaggio e riparazione guasti su tubature subacquee, realizzazione di opere di ancoraggio sul fondale, imbragature speciali di ormeggi, attacchi per catene, blocchi di cemento, il recupero e la rimozione di materiali giacenti sul fondo marino, in ambito portuale, dopo l’iscrizione al registro sommozzatori del Ministero dei Trasporti, gestito da una Capitaneria di Porto, sul territorio nazionale.

L’OTS rientra come 3° livello EQF, e la scheda specifica le attività, seguendo i principi della didattica internazionale IDSA, che possono essere sia in SCUBA (cioè con una fonte di area limitata) sia in SURFACE (aria dalla superficie, cioè una fonte di aria illimitata).

Le competenze dell’OTS, sono previste da 4 profili che riportano abilità e conoscenze relative alla singola competenza, suddivise cosi: a) Effettuare l’immersione e l’emersione in sicurezza con attrezzatura SCUBA e Surfaceb) Supportare immersione ed emersione subacquea, c) Effettuare lavorazioni subacquee e d)Approntare attrezzature ed apparecchiature per le lavorazioni subacquee.

Infine ci soni 2 schede di corso allegate, una per corsi di 500 ore ai quali per l’ammissione oltre al certificato medico sono richiesti anche i primi 2 brevetti della subacquea sportiva ricreativa, e una per corsi di 800 ore ai quali per l’ammissione è richiesto solo il certificato medico.

Sono previste per gli allievi esercitazioni obbligatorie in acque libere e in acque portuali ed è possibile prevedere anche esercitazioni con la realtà virtuale.  

Ora si aspetta la pubblicazione sulla GURS e l’inserimento come scheda ADA nell'”Atlante del Lavoro e delle Qualificazioni”, per la sua validità come “Formazione Normata” a livello nazionale e la definizione delle ulteriori 3 qualifiche, per le attività fuori dall’ambito portuale per i livelli inshore e offshore previste dalla legge 07/2016 della Regione Sicilia.

Roberto Gibiino